fbpx

Ischia, in arrivo 5 defibrillatori

Must Read

Il comune di Ischia potrà  beneficiare di un nuovo finanziamento. La Città Metropolitana di Napoli ha messo a disposizione in totale  circa 662.000 euro e al comune di Ischia che ha presentato il suo progetto sono stati destinati 9.150 euro per l’acquisto di n° 5 defibrillatori da installare in punti critici del territorio. L’obiettivo è prevenire la morte cardiaca improvvisa proprio grazie all’utilizzo dei defibrillatori già presenti in diversi punti del paese; se ne aggiungeranno, dunque, altri cinque.  Il Comune di Ischia si impegna a non solo installare tali apparecchi nei luoghi del loro territorio più affollati d’accordo con le indicazioni, ma anche ad effettuare incontri divulgativi ed informativi sullo scopo del progetto presso le scuole. Soddisfatto il sindaco Enzo Ferrandino: “Non è la prima volta che l’Amministrazione si impegna per la fornitura di defibrillatori, ne abbiamo diversi a disposizione nei luoghi più affollati del nostro comune, ma bisogna cercare di aumentare il più possibile il numero di questi strumenti  perché solo così possiamo provare a salvare la vita di chi sfortunatamente viene colpito da tali malori. La tempestività dell’intervento e la preparazione dei soccorritori sono due aspetti fondamentali per riuscire a salvare in questi casi vite umane. La Città Metropolitana di Napoli ci ha offerto questa possibilità e noi siamo stati pronti e decisi nel presentare il nostro progetto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Regno di Nettuno, via libera ai maxi yacht: potranno ancorare in zone “ad hoc”

Modifica del regolamento, via libera sperimentale - in quattro aree - anche alle imbarcazioni di lunghezza maggiore ai 24 metri. Miccio: “Una deroga compatibile con l’esigenza di tutelare il nostro mare”
In evidenza

Regno di Nettuno, via libera ai maxi yacht: potranno ancorare in zone “ad hoc”

Modifica del regolamento, via libera sperimentale - in quattro aree - anche alle imbarcazioni di lunghezza maggiore ai 24 metri. Miccio: “Una deroga compatibile con l’esigenza di tutelare il nostro mare”