Ischia, gli aiutanti del sindaco

0

Gaetano Di Meglio | Prima della delusione, quando Enzo Ferrandino era attorniato da nemici politici di ogni sorta, in alcuni momenti gli ho tenuto il gioco e gli ho dato una mano in più occasioni fino ad arrivare a progettargli la campagna elettorale e, un po’, ho imparato a conoscerlo. Bene. Saltiamo ad oggi. Non farò il nome, perché mi sembra poco corretto in questo frangente, ma è interessante riportare quanto mi è stato riferito e di cui sono sicuro. Lo riporto perché è un dejavu. Ho rivissuto la scena e so’ che quanto mi è stato detto ricalca la realtà del modello “fall pe’ me”.

In questi giorni, nonostante dica di non leggermi, il sindaco cerca aiutanti. Addirittura ad un giornalista dell’isola avrebbe inviato un messaggio difficile da non comprendere: “dammi una mano a ribattere al Dispari. Io non lo leggo, ma gli altri si”.
Nulla di nuovo sotto al cielo. Ottorino, il padre e qualche altro lo fanno come routine: screen shot e telefonate “hai visto cosa ti ha scritto” in gran quantità. Però, sembra che questo collega non abbia capito bene il messaggio e si stia limitando a pubblicare i comunicati stampa che, da poco, il comune ha ripreso ad inviare. Ma è poca cosa, quelli li pubblichiamo anche noi e allora, ecco l’ariete del sindaco: Michele D’Antonio.

Eggià, il sindaco di Ischia, tramite “C” (soggetto maligno che suggerisce, l’ho visto/letto in diretta. Ndr), usa il buon Michele per veicolare la sua contro informazione. Pensate quanto tempo sottratto alla buona amministrazione del comune di Ischia. In questa puntata, Enzo, “C” e Michele vogliono far credere che Giosi Ferrandino mi muova come un burattino. La verità, carissimi Enzo, C e Michele è che tutti quelli che stanno contro di voi, possono prendere i fili e dirigere la giostra. Ma proprio tutti. Pur di raccontare il vostro pessimo modo di amministrare Ischia val bene la strumentalizzazione di ognuno. Sia chiaro, nel caso leggesse qualcosa: non è “per” Giosi, è “contro” Enzo. Ci potete arrivare anche voi.

Ma il post di Michele D’Antonio, aiutante del sindaco, ha un valore politico? Si, fa parte della inutile strategia di delegittimazione del sindaco nei confronti di chi racconta la verità.
Ce ne sono due. Ecco il primo: “Il Sindaco Enzo Ferrandino , sta tentando di scardinare quella Politica fatta di approssimazione, incapacità e tanto altro ancora , poi come spesso succede un po’ dappertutto la stampa si schiera a difesa e difende il nulla politicamente e non solo. Il duo Giosi e De Siano non si è mai rotto altra cosa è se Gennaro Scotto di Forza Italia tifa il Sindaco Enzo Ferrandino ma mai l’ha dichiarato in Consiglio Comunale. Il Sindaco Enzo Ferrandino ci sta provando a delegittimare la cancrena oscura che serpeggia nel Palazzo comunale in merito alla politica diciamo così, meglio mettersi al riparo di qualche Querela. Anche se il Sindaco deve fare quegli accordi politici ma sicuramente è il male minore per sconfiggere il ‘Cancro ‘ e ne vale la pena. Il Sindaco Enzo Ferrandino persona onesta e capace” questo dopo l’articolo sui buoni spesa.

Dopo quello sulla candidatura potenziale di Caruso, è apparso questo: “Il PD isolano è un cantiere aperto da sempre oggi più di ieri. A mio avviso ha fatto bene il Sindaco di Ischia Enzo Ferrandino insieme ai Sindaci Gaudioso e Caruso più un avvocato del Vatoliere di sostenere per le prossime Elezioni Regionali del 21 settembre pv Il Democristiano Ciriaco de Mita novantenne che insieme alla figlia saranno della partita.”
Non vi meravigliate,questa è la strategia del sindaco. Prima erano i fake contro di me organizzati dal suo amico dei Pilastri, ora i fotomontaggi. E ieri sera, alle 20.30, il traffico a Ischia Ponte ha reso la passeggiata serale un inferno a quanti avevano scelto la nostra isola per la loro vacanza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui