fbpx

Eccellenza. Ischia, è il giorno di Vincenzo Liccardi

ECCELLENZA | DAVIDE TROFA PER UN’ALTRA STAGIONE IN GIALLOBLÙ. SI RIPARTE IL 2 AGOSTO

Must Read

È il giorno di Vincenzo Liccardi ma i tifosi e la società sperano anche quello di Davide Trofa. Potrebbe essere “nu juorno buono”, parafrasando Rocco Hunt, col d.s. Lubrano che potrebbe cogliere in giornata due piccioni con una fava. Iniziamo dal capitano, un calciatore che ha debuttato con la Juniores a soli quindici anni, che da ragazzino s’è fatto regalare da mamma Amalia scarpe personalizzate con i colori sociali. Prima che un giocatore dell’Ischia, Davide è un grande tifoso dell’Ischia.

Trofa è vicinissimo ad accordarsi con il club di Fondobosso per un’altra stagione. Trentaquattro anni compiuti a marzo, il settepolmoni del centrocampo ischitano è pronto a dare il proprio contributo alla causa gialloblù, in una mediana in cui potrebbe spiccare Giuseppe La Montagna, in parola con l’Ischia da diversi giorni. Buonocore avrebbe a disposizione due elementi in grado di abbinare muscoli e fosforo a getto continuo, contando sulla duttilità di questi calciatori per cambiare sistema di gioco anche in corso d’opera.

I tifosi che hanno seguito con attenzione i tre anni e mezzo di gestione di Lello Carlino (che in questa stagione darà un buon contributo alla società, unitamente a qualche amico imprenditore che tra l’altro ha già fatto parte dell’Ischia), ricorderanno che Vincenzo Liccardi era in predicato di vestire la maglia gialloblù già nove anni fa (nella foto, presso la sede della “Carpisa” al Cis di Nola nel giorno della presentazione della squadra). Poi Campilongo e il suo staff fecero delle scelte, il centravanti aveva una gran voglia di giocare e le strade si separarono. Da allora, Liccardi ha girovagato per la Campania e non solo, raccogliendo tante soddisfazioni. Il classe ’89, in un’intervista rilasciataci pochi giorni prima del play-off col San Marzano, disse che c’era tempo per fare un’esperienza a Ischia e dunque questa possibilità sta per nascere. Prima la firma e poi si potrà pensare all’intesa con Simonetti e altri compagni di reparto che sono ancora da definire, eccezion fatta per il riconfermato De Luise.

PREPARAZIONE – Intanto differisce di una settimana l’inizio della preparazione pre-campionato che sarà svolta al “Mazzella”. In questi giorni si susseguono i flashback dei ritiri in rinomate e tranquille località della Campania così come nelle placide colline di Umbria, Marche e Abruzzo). A questi livelli è difficile organizzare una “spedizione” lontano dall’isola, anche per una sola settimana. Al di là dell’aspetto puramente economico, bisogna fare i conti con la disponibilità dei calciatori, giovani e meno giovani, che non possono lasciare il posto di lavoro per così tanto tempo. Tuttavia un pensierino Taglialatela e suoi collaboratori lo avevano fatto. L’Ischia non riprenderà più il 26 luglio bensì il 2 agosto, in linea con quasi tutti i club della massima categoria regionale. La Coppa Italia inizia il 28 agosto, il campionato il 4 settembre e dunque quando si comincerà a fare sul serio, la truppa gialloblù avrà messo nelle gambe oltre un mese di preparazione che sarà curata da Pierangelo Pesce, un “purosangue gialloblù” chiamato a far girare a mille il motore della macchina che sarà guidata da Enrico Buonocore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

MAXIRISSA DA MOVIDA, ACCOLTELLATO FUORI AL NIGHT

I poliziotti grazie al sistema di videosorveglianza hanno potuto quantificare la partecipazione di 50 soggetti, tra “muschilli”, minorenni sparsi un po’ ovunque e tanti maggiorenni. La vittima è un casertano in vacanza sull’isola, ma dopo le cure dei sanitari è stato dimesso dal “Rizzoli”. Non ha potuto fornire informazioni utili per individuare il responsabile
In evidenza

MAXIRISSA DA MOVIDA, ACCOLTELLATO FUORI AL NIGHT

I poliziotti grazie al sistema di videosorveglianza hanno potuto quantificare la partecipazione di 50 soggetti, tra “muschilli”, minorenni sparsi un po’ ovunque e tanti maggiorenni. La vittima è un casertano in vacanza sull’isola, ma dopo le cure dei sanitari è stato dimesso dal “Rizzoli”. Non ha potuto fornire informazioni utili per individuare il responsabile