martedì, Aprile 13, 2021

“Ischia c’è: la differenza la fai tu!” la petizione degli stagionali

In primo piano

Domani, lunedì 1 Marzo a Piazza degli Eroi dalle 8,30 alle 16,30 sarà possibile aderire alla petizione lanciata da un gruppo di lavoratori stagionali.

“La petizione – spiegano – ha lo scopo di sensibiizzare e invitare gli organi governativi ad una soluzione definitiva riguardo le problematiche a scapito dei lavoratori e dei settori anness

Chiediamo:
-Un’unica soluzione di sostegno definitiva che possa includere tutti i lavoratori provatamente coinvolti senza piu’ distinzioni di sottocategorie ma piuttosto basandosi sul reale bisogno comprovato dal proprio storico lavorativo.
-Una proroga Naspi per tutti i lavoratori che ne hanno maturato il diritto quest’anno. Prolungamento automatico che possa coprire il periodo in cui non vi e’ praticamente possibilita’ di occupazione.
-Prendere in considerazione un controllo dinamico e una piu’ chiara definizione degli interventi al fine di evitare la discrezionalita’ dei diversi uffici INPS territoriali.

-Prendere in considerazione un provvedimento di ridimensionamento significativo riguardo la tassazione delle strutture legate al turismo e alla ristorazione, settori questi gravemente colpiti dalla crisi, a patto che suddette strutture rispettino, in maniera comprovata, le condizioni contrattuali previste dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL)
-Il rispetto delle attuali condizioni contrattuali (CCNL) e la reale tutela dei diritti dei lavoratori del turismo, infine l’impegno dello Stato in una lotta senza quartiere contro i trasgressori e contro il lavoro in nero.
Doveroso ricordare che garantiremo il rispetto delle attuali norme previste dal decreto legge riguardante l’emergenza Covid-19 assicurando il distanziamento sociale e non consentendo assembramento alcuno. Obbligatoria la mascherina.”

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Carmine continua pericolosamente lo sciopero della fame. I cresimandi si assembrano in cattedrale e non perdono il vizio

Gianni Vuoso | Quanti interventi, quante parole, quante decisioni assurde e discutibili. Viene voglia solo di restare in silenzio...
- Advertisement -