Ischia, c’è chi dice scuole aperte! L’appello e l’esempio delle Medie Scotti

Mentre il sindaco di Ischia, Enzo Ferrandino, vuole il medio evo (come a Procida, a Lacco Ameno e altrove) c’è chi, invece, guarda al futuro in sicurezza e senza fobie. Tenendo a bada la paturnie di “desperate housewife” locali che messaggiano ai primi cittadini e difendono il proprio lavoro.

2

Mentre il sindaco di Ischia, Enzo Ferrandino, vuole il medio evo (come a Procida, a Lacco Ameno, a Forio e altrove) c’è chi, invece, guarda al futuro in sicurezza e senza fobie. Tenendo a bada la paturnie di “desperate housewife” locali che messaggiano ai primi cittadini e difendono il proprio lavoro.

L’appello della preside Lucia Monti alla Comunità Scolastica della S. Secondaria di I Grado “G.Scotti” di Ischia in merito allo “Screening Territoriale per la riapertura delle Scuole”

“Come preannunciato nella precedente nota – scrive la dirigente “illuminata” -, da lunedì 24 novembre I’Asl Napoli 2 Nord competente per il nostro territorio, attraverso la prenotazione con numero verde 800814818, avvierà lo Screening Covid-19, già iniziato per la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria, anche per la Scuola Media, attraverso la somministrazione di tamponi antigenici in vista della ripresa delle attività didattiche in presenza, sempre compatibilmente con il quadro epidemiologico di contesto. Il test per dirigenti, docenti, personale ATA, alunni e familiari conviventi è gratuito, completamente a carico del Servizio Sanitario Regionale della Campania. Data I’emergenza in corso, rivolgo il mio appello alla Comunità Scolastica, a partecipare tutti allo screening, anche se è scritto che la partecipazione è su base volontaria, nella volontà comune di far continuare la Scuola in sicurezza, di contrastare l’epidemia, di consolidare il Patto di corresponsabilità e la rete dí reciproca solidarietà che avvicinano le famiglie alla Scuola. Dobbiamo fare ricorso alla collaborazione e al nostro senso di responsabilità in questo preciso momento storico per contrastare il pericolo di contagio e dare il nostro contributo fattivo per un ritorno ad un’impagabile agognata normalità. La lotta al Covid-19 si vince solo con I’unità e il senso civico!»

A supporto dell’iniziativa, finalmente, (dopo anni di buio e di ignoranza imperante con il vecchio presidente del consiglio di istituto avvezzo a clientele e a gestioni oscure come al Telese), il nuovo presidente, Maurizio Pinto scrive ai genitori e agli organi di informazione

«Nel condividere l’invito rivolto dalla Dirigente Scolastica – Prof.ssa Lucia Monti- all’intera comunità scolastica, a sottoporsi allo screening ed effettuare il tampone naso-faringeo, nell’ambito delle attività di prevenzione alla diffusione del Sars Cov2, da parte della ASL Na 2 Nord, specificamente rivolte a personale docente e non docente degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, si ritiene opportuno dare massima diffusione dell’iniziativa, di cui si condividono le importanti finalità general-preventive.

La comunità scolastica isolana – continua Pinto – e quella della Scuola Secondaria di I grado “Giovanni Scotti” che mi onoro di rappresentare nel Consiglio di Istituto, ha investito molto – in termini di risorse economiche e lavorative – al fine di garantire lo svolgimento dell’attività didattica in presenza ed in assoluta sicurezza.

Va dato atto agli stessi stessi Enti territoriali – Comune e Regione – di aver assicurato, con tempestività, considerevoli risorse al fine di adeguare gli ambienti e fornire quanto previsto dai protocolli sanitari, per consentire la ripresa dell’attività didattica in presenza.

Interpretando i sentimenti di grande delusione di quanti auspicano che gli studenti possano tornare immediatamente sui banchi di scuola, ma anche le ansie e i timori di quanti preferiscono, per ragioni prudenziali, la continuazione delle attività didattiche a distanza, confidiamo -fin da subito- in una grande risposta della comunità scolastica alla campagna di screening prevista, per poter riprendere -appena sarà possibile- le attività didattiche in presenza, in piena sicurezza.

Non si tratta solo di formulare un invito ma di rivolgere un accorato appello, soprattutto ai genitori, al fine di tener fede al “patto di corresponsabilità” per prevenire i contagi ed assicurare nel contempo la socialità degli studenti e l’apprendimento di base scongiurando i disagi personali legati alla prolungata assenza dalle aule scolastiche e dai rapporti interpersonali con i coetanei e i docenti.

Nel rispetto di tutte le posizioni responsabilmente espresse, si coglie l’occasione per invitare i Sindaci dei comuni dell’isola di Ischia, a valutare caso per caso la possibilità di un rientro in sicurezza nelle aule scolastiche, tenendo conto delle misure adottare da ciascun istituto, del numero di alunni potenzialmente coinvolto dal rientro in presenza, della idoneità e della ampiezza degli edifici per garantire il rispetto delle misure di sicurezza.

Ciò anche al fine di valorizzare gli sforzi compiuti da ciascun istituto – conclude con intelligenza – per assicurare il rispetto dei protocolli, la effettiva possibilità di frequenza in condizioni di sicurezza e le buone pratiche adottate responsabilmente dagli organi collegiali della scuola con il tenace supporto della componente genitori come avvenuto per la Scuola Secondaria di I grado Giovanni Scotti di Ischia.»

2 Commenti

  1. Ma avete provato a chiamare al numero verde ?
    ” Le linee sono temporaneamente occupate……..”
    TEMPORANEAMENTEEEE ???
    Tutto il giorno così……avevate qualche dubbio ?
    Ottima idea……complimentoni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui