Il settebello di Giosi, altro che nani

1

Questione personale di Gaetano Di Meglio

 

Un giorno all’improvviso si scopre che Ischia ha un elettorato libero. Una base di cittadini che esprimono il loro voto in maniera valida, valutando le idee e conoscendo i programmi del politico di turno. Ahinoi, purtroppo, non ci siamo ancora arrivati. O meglio, siamo ancora lontani. Certo, se parlate con qualche avversario di questa maggioranza (avversario non storico, per carità) vi dirà il contrario. Io stento a crederci e, in quest’ottica, credo che le prossime mosse di Giosi Ferrandino vadano in una linea ben diretta: garantirsi un buon portato elettorale al di là del programma e delle persone. E, sbattiamoci quanto vogliamo, Ischia è questa: quella che elegge ancora Giovanni Sorrentino, quella che vota Gennaro Scotti e quella che dovrebbe accogliere Domenico De Siano quale candidato sindaco (è già pronta la mia richiesta di asilo politico altrove).

Ebbene, in questo scenario dove chi non si schiera CONTRO Domenico De Siano fin da ora e senza mezzi termini, non ha nessuna voce in capitolo, va inserita la prossima manovra di Giosi Ferrandino e della sua maggioranza. Porte aperte a via Iasolino: via ai concorsi e via a 7 posti a tempo pieno indeterminato.

A giorni, infatti, sarà pubblicata la delibera con cui si bandirà il concorso per sette, dico sette, posti a tempo pieno a tempo indeterminato. Un concorso che si aggiunge all’assunzione part time a tempo indeterminato di Antonio Bernasconi che dovrebbe essere operativo già dal prossimo primo novembre e il completamento delle assunzioni delle quote libere nell’Ufficio di staff del sindaco.

Sono questi i primi 10 posti con cui la maggioranza di Ischia blinderà una piccola porzione di elettorato. Certo, ci possiamo aggiungere anche le poltrone nel CdA di Genesis ancora libero e qualcosa da modificare in Ischia Ambiente, ma questo è ancora da vedere.

In un tempo medio, ma sempre prima del voto. Prima del voto, si. E questo scenario, ovviamente, smentisce anche quella voce che vuole lo scioglimento di questa amministrazione intorno a Natale. Sul fuoco c’è troppa “carne”.

Fronte caldo anche tra la polizia municipale. Dopo le assunzioni al “comune”, il comandante Pugliese ha avuto anche il via libera per le procedure concorsuali per l’assunzione di nuovi vigili urbani e, attenzione, in questo caso o si assumono o non c’a alcuna speranza di avere nuovi vigili. La legge è cambiata e la graduatoria non è più utilizzabile. In maggioranza, valutano se indire una procedura a tempo determinato o indeterminato. Staremo a vedere.

E’ questo, l’unico, vero, scenario della politica ischitana che merita di essere considerato. Il mio migliore allievo, ha provato a replicare l’esercizio di Biancaneve e i sette nani, ma si vede che senza il tutor l’esercizio gli è riuscito solo benino. Voto: 6+.

Giosi assume e chiude accordi, e gli altri in amministrazione, girano attorno a lui. Ancora. Conoscendo il sindaco e conoscendo gli altri players di Via Iasolino, ad oggi, è difficile pensare scollamenti. Si, la Sciarappa millanta accordi di qua e accordi di la. Sta permettendo ad Abramo De Siano di dettare l’agenda politica del gruppo di Luca Montagna e Cristian Ferrandino, ma la possibilità di potersi sedere a tavola (fattore fondamentale per chi è affamato di aver pedine da muovere) sarà più forte di altre tentazioni. E vuoi mettere che dalla posizione in cui sono oggi, Antonio Buono si può atteggiare al piccolo stratega con il rischio, poi, di stare fuori dai giochi di clientela spicciola? Su, questa è gente che si muove solo quando si tiene ben saldo. Pensate che Cristian Ferrandino abbia lasciato Isidoro Di Meglio e la DimHotels facendo un salto nel vuoto? Signori, siamo ad Ischia. E la storia è una buona maestra…

1 commento

Rispondi a Luigi Boccanfuso Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui