giovedì, Marzo 4, 2021

Il presepe “terremotato” della Zona Rossa

In primo piano

Giosi Ferrandino: “Ischia non perdere l’occasione Recovery”

https://youtu.be/hXXKLSQURO8 Gaetano Di Meglio | Con l'eurodeputato PD, Giosi Ferrandino, una riflessione sul governo Draghi, le possibilità del Recovery Fund...

Reazione Caruso, asfaltato De Siano: “Vuol fare i paragoni sugli incassi del porto? Cosa ha fatto per Serrara Fontana da Senatore?”

L''interrogazione di De Siano contro Del Deo ha una reazione. Immediata, dura, precisa. E arriva dal sindaco di Serrara...

De Siano vs Del Deo, missile parlamentare. Il senatore interroga Lamorgese sugli scandali foriani

Il senatore interroga Lamorgese sugli scandali foriani ...il Ministro in indirizzo non ritenga necessario esercitare il compito di vigilanza, assumendo iniziative per verificare la reale situazione del Comune di Forio e delle altre amministrazioni comunali, al fine di accertare eventuali responsabilità...

“E’ terremonato”, il presepe installato sulla palazzina e anche Gesù Bambino, questa nuova vita nasce tra le case puntellate e i ruderi segnati dagli eventi. Nasce sotto un balcone inceronato di legna e acciaio, quello di casa Monti-Di Costanzo , di una casa puntellata e cerchiata dopo il sisma del 21 agosto 2017 tra lo svincolo Di Piazza Majo, Via D’Aloisio e Via Epomeo nel cuore del sisma. Un Natale spaccato a metà nel Cratere , dove il clima di festa è segnato, come il territorio, da quella tragica scossa che ha devastato una parte del paese, l’antico centro casamicciolese. Il sisma vive ed è presente nei pensieri e nella vita quotidiana delle persone, tanto che anche l’elemento classico della tradizione natalizia, il presepe, rappresenta una terra spaccata, ma che non ha perso la voglia di rialzarsi. Come le statuine di San Gregorio Armeno a Napoli si rinnovano ogni anno per raccontare i personaggi più in vista del momento, a Casamicciola si è rinnovata la tradizione delle luci e degli addobbi in ogni angolo del paese al Majo Gesù Bambino, grazie all’artista Felice Meo e ai dipendenti Eav di Ischia con la disponibilità del dottor Umberto De Gregorio, il presepe di Legno e compensato racconta insieme alla Natività, gli ultimi mesi di sofferenza dell’entroterra. Grazie a Nunzio Capuano, Mario Taliercio e Michele Prota. Anche Piazza Majo dopo il presepe nella damigiana “spaccata“ della Riscossa ha la sua natività: il presepe terremotato portato tra i puntelli di legno e il lento degrado qualche ora fa. Poco, ma tanto, pur sempre un segno di una nuova nascita, quella che deve portare entusiasmo e voglia di esserci.



- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Elezioni, Serrara Fontana vota ad ottobre?

A Serrara Fontana sarà un'altra estate firmata Rosario Caruso. Secondo il corriere.it sono state rinviate a ottobre le amministrative che...
- Advertisement -