fbpx

Il prefetto: “Controllo del green pass per le isole con le Forze dell’ordine”

Must Read

Oggi è il giorno del green pass a bordo e non solo. Come vi abbiamo già raccontato, per viaggiare con navi o aliscafi nel golfo di Napoli da oggi, lunedì 6 dicembre, è obbligatorio il green pass base.
Lo ha stabilito il decreto legge emanato lo scorso 26 novembre che ha introdotto la norma per tutto il trasporto pubblico locale includendo anche quello marittimo.

Per sbarcare o lasciare dunque le isole di Ischia e Procida tutti i passeggeri dovranno essere in possesso della certificazione sanitaria verde; in caso contrario non potranno essere ammessi a bordo. I controlli saranno affidati alle compagnie di navigazione che li effettueranno, a campione, sia alle biglietterie che agli imbarchi sui mezzi nautici; secondo la legge saranno esentati dall’ obbligo i soggetti in possesso di idonea certificazione medica di esenzione valida.

Nel frattempo, a chiarire ogni aspetto, è intervenuto anche il prefetto di Napoli, il dottor Claudio Palomba, ha inviato una nota esplicativa.
Ecco il paragrafo che ci riguarda da vicino: “Per il trasporto pubblico marittimo, in entrata e in uscita, a campione, a terra, preferibilmente dalle Forze dell’ordine e dalla Capitaneria di Porto e con il rilevante contributo degli enti gestori, in particolare attraverso il proprio personale addetto alle verifiche in possesso della qualifica di incaricato di pubblico, presso i porti di questa area metropolitana in cui si effettuano collegamenti di linea le isole di seguito indicate” ovvero tutte i porti delle isole di Ischia, Capri e Procida e tutti i porti della terraferma”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Giuseppe è grave, resta al “Rizzoli” perché nessun ospedale napoletano lo accoglie

Il ventinovenne ischitano soffre di un sarcoma e di una patologia che gli provoca trombi a ripetizione che hanno colpito soprattutto le gambe, che sono aumentate di volume in modo preoccupante, e i polmoni. I genitori hanno smosso mari e monti per trasferire il proprio figlio al “Pascale” o altro ospedale napoletano, ma hanno ricevuto solo porte in faccia e silenzi. Gli avvocati che li rappresentano hanno sferrato una serie di diffide e messe in mora al direttore generale del “Pascale” e informando il presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca e il direttore generale nonché coordinatore sanitario Postiglione