Il muro dell’Ischia regge l’attacco del Pianura, finisce 0-0

0

Simone Vicidomini – L’Ischia torna dalla trasferta di Pianura con un punto d’oro ma soprattutto prezioso. Primo del fischio d’inizio della gara mister Billone Monti applaudito e chiamato sotto la sua ex curva dei tifosi del Pianura (cornice di pubblico fantastica) ha ricevuto come regalo un mazzo di fiori. Monti,negli anni passati ha guidato il Pianura vincendo anche un campionato,lasciando un segno indelebile. Il big match giocato allo stadio “Simpatia” è terminato a reti bianche, che ha visto affrontarsi le due squadre che molto probabilmente si giocheranno la vittoria finale del campionato. Un risultato che sta stretto sicuramente agli isolani in virtù di come si era messa la partita nella prima frazione di gioco,dove i padroni di casa hanno avuto tre nitide occasioni per sbloccare il match e forse a punti meritavano qualcosina in più. L’Ischia comunque è la prima squadra che riesce a fermare la corsa della capolista dopo cinque vittorie consecutive,ma per lo più riesce a non subire gol (e questo è un dato di fatto anche importante) soprattutto contro una squadra di questo livello. Un’Ischia dalle due facce,ove il primo tempo è scesa in campo un po’ contratta ma soprattutto con la paura di giocare e rischiare anche di perdere la gara. Nella ripresa l’ago della bilancia è cambiato un po’dove le occasioni per la squadra di Monti ci sono anche state. Unica nota un po’ stonata e che forse i gialloblu hanno giocato per lunghi tratti di gara con il piede sul freno,ovvero schierati troppo dietro la linea del pallone. Soltanto nel finale di gara si è provato ad alzare il baricentro,ed infatti si è vista qualche giocata anche importante. Sugli scudi c’è da registrare la grandissima prestazione di Mennella che è stato il vero protagonista della gara dove in più di un’occasione ha salvato il risultato. Prestazioni ottime anche in difesa con Chiariello e Saurino che hanno dovuto fare i così detti straordinari per marcare giocatori come Borrelli e Pirone,entrambi molto fisici. Come detto in apertura è proprio il Pianura ad avere l’occasione per portarsi in vantaggio,con due tiri da fuori area ed una punizione dal limite colpendo un palo ed una traversa con Pontillo e Pirone. Nella ripresa gli isolani hanno preso coraggio e due volte si sono resi pericolosi ma il portiere di casa, Navarra, ci ha messo sempre una pezza. Entrambi gli allenatori hanno cercato il jolly vincente effettuando una girandola di cambi per provare a vincere la partita. I padroni di casa hanno fortemente protestato contro il direttore di gara,per un fallo non sanzionato in area di rigore (penalty che non c’era per niente) Nulla da fare il match è terminato in parità sul risultato di 0-0.Il Pianura Calcio resta capolista e sale a quota 16 punti mentre gli isolani salgono a quota 10 dove nel prossimo turno ospiteranno al “Mazzella” lo Sporting Ercolano per un altro big match. 

LE FORMAZIONI- L’Ischia deve fare a meno di Monti e Rubino fermi ai box con quest’ultimo che si è accomodato in panchina. I gialloblu sono stati schierati da Monti con il consueto 4-3-3 che ha visto Mennella tra i pali, la linea difensiva con Inverini, Chiariello, Saurino e Pistola, il centrocampo con Sogliuzzo, Arcamone ed Esposito in avanti Castagna e Buono (all’esordio) a supporto di Iattarelli come punta centrale. 

Sul fronte opposto i pianuresi guidati da Sarnataro vengono schierati con un 4-3-3 con Navarra a difesa dei pali, più Canzano, Pellini, Sacco e D’Ascia sulla linea difensiva, il centrocampo con Pontillo, Maturo e Cardone in avanti il tridente composto da Tedesco, Borrelli e Pirone. 

FORCING PIANURESE MA IL MURO REGGE -L’inizio di gara vede partire subito forte i padroni di casa che si gettano nella metà campo degli isolani,dimostrando di non temere per niente l’avversario con i gialloblu che sono un po’ contratti e con la paura di giocare nel rischiare qualcosa in più. Al 18’i gialloblu perdono un pallone dal limite dell’area nel tentativo di allontanarlo con il pallone che viene intercettato da Pirone,conclusione velenosa a giro che impegna Mennella alla respinta con un mano che toglie la sfera da dentro l’incrocio dei pali deviando in corner. Al 27’altra occasione per i biancorossi questa volta con Pontillo ci prova defilato con il numero uno isolano che si oppone nuovamente ma la sua deviazione fa carambolare la sfera sul palo con il pallone che rimane sulla linea della porta prima di essere allontanata da Pistola. Alla mezz’ora di gioco Saurino commette fallo e calcio di punizione dal limite dell’area per i pianuresi. Alla battuta va Pirone che disegna una parabola fantastica ma la sfera scheggia in pieno la traversa. Il primo tempo si conclude sul risultato di 0-0. 

REAZIONE ISCHIA- Nella seconda frazione di gioco il copione non sembra affatto cambiare con i locali che continuano a spingere nel tentativo di sbloccare il match. Al 55’ arriva il doppio cambio tra le file dei gialloblu: fuori Buono e Iattarelli e dentro Di Meglio e Trani, con Sogliuzzo che va a fare il falso nueve senza dare punti di riferimento al centro dell’attacco agli avversari. Al 66’ si fa vedere l’Ischia dalle parti della porta difesa da Navarra con un tentativo di Pistola dopo una bella cavalcata sull’out di sinistra la sua conclusione termina alta sopra la traversa. Un giro di lancette più tardi scambio nello stretto tra Borrelli e Cardone dal limite dell’area con quest’ultimo che prova a piazzarla nell’angolino basso,ma il pallone termina a lato. Al 73’ ci prova ancora Borrelli dal limite sfera di un soffio fuori. Al 74’ un cambio per parte,per i padroni di casa esce Pontillo ed entra Polverino(tatticamente Sarnataro non cambia nulla) per i gialloblu fuori Castagna (prova opaca per l’esterno quest’oggi) al suo posto Accurso con Invernini che va a fare l’esterno alto. All’81’ Esposito si addormenta sul pallone e si fa rubare palla nella metà campo con i pianuresi che imbastiscono un’azione insidiosa,con Polverino (neo entrato) viene pescato tra le linee della difesa isolana e va alla conclusione ma Mennella è costretto ai straordinari ed in tuffo riesce a mantenere il risultato in parità. Al 90’clamorosa traversa di Esposito che pesca dal cilindro un bolide improvviso dal limite dell’area con il pallone che colpisce in pieno il legno e la fa tremare (forse nemmeno Navarra se lo aspettava). Al 93’ nel terzo minuto di extra time, il Pianura rimane in 10 per la doppia ammonizione di Pellini per un fallo su Gigio Trani. Sulla battuta va Sogliuzzo che colpisce la traversa con il pallone che carambola in corner,e che mette fine all’incontro che vede pareggiare sul risultato di 0-0 le due squadre. 

PIANURA CALCIO           0

ISCHIA CALCIO    0

PIANURA: Navarra,  Canzano,  D’Ascia, Pellini, Sacco, Pontillo (74’ Polverino), Tedesco, Maturo, Borrelli (89’Zaccaro), Pirone (82’ Ventre). Cardore. A disposizione: Ramaglietta, Orlandino, Guzzovaglia, Civile, Avolio, Luongo. All.: Savio Sarnataro 

ISCHIA: Mennella, Esposito, Pistola, Saurino, Chiariello, Arcamone, Invernini, Buono (55’ Di Meglio N), Iattarelli (55’ Trani L), Sogliuzzo, Castagna (74’ Accurso). A disposizione: Di MeglioM, Aiello, Trani M, Ferrandino, Ferrari, Abbandonato. All.: Giuseppe Billone Monti

Arbitro: Giorgio Guarino della sezione di Avellino (Assistenti Carlo D’Afiero di Frattamaggiore e Pasquale Di Matteo di Napoli) 

Reti: nessuna

Ammoniti: Pellini,Pontillo,Borrelli (P) Saurino,Chiariello,Invernini (I) 

Note: Al 93’ espulso Pellini per doppio ammonizione 

Recupero: 1’p.t – 4’s.t

Spettatori: 800 circa con una rappresenta cospicua di tifosi gialloblu

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui