Il Mario Spinetti verrà dato in gestione. 5 euro all’ora

0

Ass. Lucia Mameli: “Prendiamoci cura dei nostri beni comuni”

Leo Pugliese | Quando parliamo di  gestione di impianti sportivi comunali dobbiamo premettere che trattasi di un servizio pubblico locale ai sensi dell’art. 112 del d.lgs. n. 267/2000, dove l’utilizzo del patrimonio si fonda con la promozione dello sport, che unitamente all’effetto socializzante ed aggregativo, diventa uno strumento di miglioramento della qualità della vita a beneficio non solo per la salute dei cittadini ma anche per la vitalità sociale della comunità (es. culturale, di sviluppo, turistico, di immagine del territorio, ecc..).

Con riferimento poi alla “natura” del bene, gli impianti sportivi di proprietà comunale appartengono al patrimonio indisponibile dell’ente, ai sensi dell’art. 826 del c.c., essendo destinati al soddisfacimento dell’interesse della collettività allo svolgimento delle attività sportive.

Dopo il restyling di questi anni, il Mario Spinetti torna ad essere un modello campo da calcio. Luci, manto, spogliatoi, servizi igienici rimessi a nuovo.

A fronte di ciò l’amministrazione comunale di Procida ha inteso chiedere l’interesse della comunità nella gestione del campo sportivo. 

A dare contezza di tutto ciò l’assessora Lucia Mameli:

“L’Amministrazione Comunale ha pubblicato la manifestazione di interesse per la gestione del campo sportivo”Mario Spinetti”. Una struttura rinnovata nel suo manto erboso e illuminata con un sistema efficiente. Un luogo che rappresenta la linfa della vita giovanile della nostra comunità, per voi quest’amministrazione comunale si è impegnata in questi anni. Ora questo campo è cosa vostra, è un bene che appartiene a tutti noi.

Da qui si parte per un passaggio di consapevolezza importante per amministrare la cosa pubblica insieme con i cittadini e con le associazioni. Riprendiamo il cammino insieme a tutti i cittadini anche dopo l’emergenza coronavirus. Prendiamoci cura dei nostri beni comuni attraverso cui, si sprigionano la forza e la passione della cittadinanza attiva e ricordiamoci sempre che i beni comuni sono beni di tutti”.

PROCEDURA DI AFFIDAMENTO

Valutate le domande pervenute, l’Ufficio Servizi Tecnici individuerà direttamente il soggetto utilizzatore dell’impianto nel caso ci sia un unico utilizzatore dell’impianto o un unico soggetto resosi disponibile.

In caso di pluralità di domande di gestione ed uso i soggetti affidatari verranno individuati in virtù dei seguenti criteri sanciti dal suddetto regolamento (art. 7 e seguenti):

“1. L’assegnazione degli impianti sportivi verrà disposta sulla base dei seguenti criteri in ordine prioritario:

a) Attività organizzate dal Comune;

b) Attività agonistiche di Società regolarmente iscritte alle rispettive federazioni o enti di promozione sportiva e secondo le priorità elencate al precedente art. 5;

c) attività di società che abbiano nel proprio staff tecnico istruttori in possesso del diploma di laurea in scienze motorie o titolo equipollenti oppure titoli rilasciati da federazioni sportive o scuola nazionale o regionale dello sport del Coni.

d) Attività agonistiche, sportive, ricreative e attività senza fini di lucro di società e/o privati regolarmente abilitati all’insegnamento delle varie discipline sportive e/o ricreative;

e) Attività riguardanti la promozione sportiva (scuola dell’obbligo);

f) Attività amatoriali ed occasionali;

L’attività si considera agonistica quando almeno il 50% dei tesserati partecipa a competizioni sportive comportanti classifiche e punteggi individuali o a squadre.”

Finalità e soggetti ammessi

Il suo uso può essere richiesto da:

a) enti; b) associazioni; c) gruppi; d) fondazioni; e) istituzioni; f) comitati; g) privati; più soggetti potranno fare istanza a condizione che individuino formalmente un responsabile, che sarà l’unico referente per l’amministrazione comunale anche ai fini degli obblighi e delle responsabilità inerenti e conseguenti la concessione, il quale dovrà a sua volta accettare formalmente la designazione e

gli obblighi che ne derivano; f) le associazioni, che non sono iscritte all’albo comunale, dovranno farlo appena verranno aperti i termini per l’aggiornamento della lista.

ELEMENTI DELLA CONVENZIONE

Il Comune, attraverso convenzione, offrirà al soggetto o soggetti che risulteranno affidatari la gestione e l’uso dell’impianto secondo le modalità del Regolamento Comunale. Per tale servizio è previsto un contributo a carico dell’utilizzatore di € 5,00 all’ora.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui