Il carro del vincitore. Ma di cosa? | #4WD

0

Altri tre deputati di Forza Italia hanno scelto di rimanere nel centrodestra, passando però nelle fila della Lega di Salvini. Si tratta sicuramente di un episodio meno scandaloso di quelli che il salto della quaglia lo compiono travalicando ogni limite di schieramento, dimenticando tutte le motivazioni che ne hanno giustificato la storica permanenza, oltre alle origini di quel prezioso beneficio concesso a più riprese, specie dopo l’avvento dei listini bloccati. Ma per quanto mi riguarda, si tratta di una scelta altrettanto grave.

Ormai, a ruota neppure tanto libera, Silvio Berlusconi sta reiteratamente lanciando appelli al governo in carica, offrendo disponibilità alla collaborazione nel sempre tanto sbandierato e poco perseguito “interesse degli Italiani”. Che il Cavaliere resti un gigante politico rispetto ai nani attuali è un dato di fatto, ma della sua lucidità strategica all’interno del partito e dell’opportunità delle sue esternazioni si può più che legittimamente dubitare. Il presidente di Forza Italia, tra i suoi peccati originali, si porta dietro la creazione di una “classe dirigente” tanto leggera quanto infida, di quelle composte da elementi di dubbia competenza e a base di meritocrazia latente, che alla prima occasione utile non perdono tempo a valutare il pari e il dispari, salvaguardando esclusivamente la tutela presente e futura della propria poltrona. Tutti smemorati, questi miracolati di ieri e di oggi, perfetti artefici di quella definizione della gratitudine quale autentico sentimento della vigilia.Come nel caso di Donald Trump in America, anche in casa azzurra il grande esodo è cominciato da tempo; e la Campania, dopo l’impennata di consensi-Covid a favore di De Luca, ne è stata ottima testimone sin dalla composizione delle liste elettorali. Chissà se, in entrambi i casi, il salto sul carro del vincitore (di cosa, poi, non si sa) sia andato realmente nella giusta direzione.
Scorri veloce, o tempo galantuomo!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui