martedì, Maggio 18, 2021

Green pass | di Antimo Puca

In primo piano

A poco più di un anno dallo scoppio pandemico il turismo torna al centro del dibattito pubblico. Si rende necessario riaprire una seria riflessione sul settore turistico,mettere a confronto tutte le categorie del settore e partire quanto prima con un piano operativo da condividere a livello regionale e nazionale per consentire ai territori turistici di uscire dalla crisi  con le proprie mani combattendo ad armi pari con la concorrenza. Tra le priorità, il vaccino e le strutture in sicurezza.

Proporre isole covid free in Italia e creare meccanismi grazie ai quali sia semplice potersi muovere. Obiettivo è essere veloci per non lasciarsi superare. Si sta discutendo il GREEN PASS, una sorta di passaporto che lascia circolare a tre condizioni, vaccino, anticorpi covid e tampone negativo.

Affermava Bernardo di Chartres, filosofo e grande grammatico del XII secolo:” siamo come nani sulle spalle dei giganti, di che possiamo vedere più cose di loro e più lontane, non per l’acutezza della nostra vista, ma perché sostenuti e portati in alto dalla statura dei giganti”. Dobbiamo riscoprire l’umiltà di sentirci parte di una realtà che non siamo stati noi a creare dal nulla ma che ci viene consegnata da chi ci ha preceduti, per arricchirla e riconsegnarla a nostra volta.

Bisognerebbe chiedersi cosa ci hanno consegnato le generazioni precedenti. Verità,Libertà, Coscienza: categorie che sembrano aver perso significato oggettivo. Spesso si fonda il proprio pensiero su opinioni, ritenute gelosamente personali, e non si avverte il desiderio di confrontarsi con riflessioni sostenute da argomentazioni valide, frutto di un solido cammino di ricerca. L’aggancio con il passato, con la tradizione, è ritenuto superfluo.

Libertà è un termine dai molteplici significati,che si presta agli inganni. Non si tratta di libertà per la verità ma di libertà dal limite, dai vincoli della stessa vita politica, una libertà che porta in sé un (sinistro?) “potenziale rivoluzionario di una enorme forza esplosiva” (Enciclica”Spe Salvi”, n. 18,Bebedetto XVI). Quando si tocca il fondo nasce la possibilità di risalire e riemergere. Ma dal fondo di un processo rivoluzionario contemporaneo deve sorgere per tutti il dovere di una autocritica,  fra ideologie delle contemporaneità che hanno demolito le generazioni precedenti, il passato, la tradizione e coloro che tentano ogni giorno di conservarla. Cultura del passato e tradizioni sono ancora possibili purché non ci si limiti a lamentarsi e si ricordi, con Bebedetto XVI, che “accendere un fiammifero vale più che maledire l’oscurità”(don Tonino Bello)

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Ultim’ora sul fronte abusivismo e demolizioni. Sospeso abbattimento a Napoli su ricorso dell’avvocato Bruno Molinaro

Quando l’ultimo filo di speranza era venuto meno e la disperazione aveva ormai preso il sopravvento, la Procura della...
- Advertisement -