venerdì, Marzo 5, 2021

Governo ambientalista: opportunità o rischio? | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 20 febbraio 2021

In primo piano

Enzo e Gianluca. Ciò che Giosi ha diviso, Giosi ha unito

Gaetano Di Meglio | Era il 2015, dopo aver superato la sbornia e archiviato gli schiaffi elettorali della prima elezione...

Il Consiglio di Stato tentenna… Ma a Lacco Ameno è guerra di denunce anonime

Attesa febbrile per la pronuncia dei massimi giudici amministrativi sulla sorte della “fascia tricolare”: rivince Pascale o è la volta di De Siano?. Con la guerra giudiziaria e politica, prosegue la stagione dei corvi. Denunce apocrife con accuse ai politici. Accusatori e accusati fanno parte tutti della stessa barca

Giosi Ferrandino: “Ischia non perdere l’occasione Recovery”

https://youtu.be/hXXKLSQURO8 Gaetano Di Meglio | Con l'eurodeputato PD, Giosi Ferrandino, una riflessione sul governo Draghi, le possibilità del Recovery Fund...

Quando ho sentito il discorso di Draghi in vista della fiducia al Senato, mi sono preoccupato non poco della dichiarazione che assegnava al suo governo l’attributo di “ambientalista”.

A mente fredda, la preoccupazione mi ha quasi definitivamente abbandonato. In primo luogo, perché era chiaro a tutti che questa tendenza, insieme all’istituzione del ministero per la transizione ecologica fortemente voluto dai grillini non dissidenti, rappresentava il più classico dei contentini per gli oltranzisti di sinistra (anche molti grillini, in cuor loro, lo sono eccome). Ma più d’ogni altra cosa, mi ha rasserenato il proverbiale pragmatismo del nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri, che non avrebbe mai potuto accettare alcuna conditio sine qua non, men che meno dar vita ad uno di quei proclami ad hoc in politichese di cui abbiamo ormai le tasche piene.

Trovo quindi molto più utile soffermarmi sulla possibilità che la tendenza ambientalista assicurata nella sua presentazione alle Camere dal nuovo inquilino di Palazzo Chigi possa/debba rappresentare un’opportunità e non certo un rischio. Mi riferisco, nel dettaglio, al fatto che un uomo d’azione come Draghi, più che avvalorare le manie anticaccia della Brambilla, potrebbe migliorare la cura e la tutela ecologica dei boschi, dei fiumi e della fauna, difendendoli da un inquinamento sempre più impunito; o anziché cedere alle smanie dei “verdi” malcelati ormai in ogni angolo del Parlamento, pronti a gridare allo scandalo -come capitato a Conte- contro una riqualificazione degli abusi edilizi materialmente impossibili da demolire, favorisse l’emersione del “sommerso” attraverso la definizione delle istanze di condono, facendo cassa con la riscossione dei relativi oneri; e perché no… si occupasse dei poteri e dell’operato di soprintendenze ai beni architettonici e paesaggistici dall’operato fin troppo spesso scriteriatamente khomeinista.

A volte basterebbe così poco per passare alla storia…

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Disastro CPL Concordia. Tranciato un cavo Telecom. Lacco Ameno senza telefono e senza internet

Disastro CPL Concordia. Tranciato cavo Telecom durante i lavori di scavo e posa in opera del GAS metano e...
- Advertisement -