venerdì, Giugno 18, 2021

Giù i PC, a Lacco Ameno torna il Consiglio comunale dal vivo. Ma dopo Santa Restituta

In primo piano

Ida Trofa | Giù i monitor, PC spenti. Lacco Ameno torna in consiglio comunale, in presenza, ma in rigorosa modalità Covid-19, pronto per i festeggiamenti in onore di Santa Restituta. Giacomo Pascale riapre la sala consiliare con i bilanci cosi come l’aveva chiusa. La casa del popolo è cosi un municipio aperto ai migliori auspici: politici e giornalisti accreditati. Quando era stato chiuso si era nel pieno della Pandemia, correva l’anno 2020 e s’è fatto subito di tutto per tenere sedute e un “festival“ della democrazia in rigorosa diretta streaming, per evitare contatti e la pericolosa diffusione del contagio. Forse anche qualche confronto de visu, troppo rischioso. Che dopo quasi sei mesi, si ritorni in sede e ci sia l’approvazione di documenti contabili importantissimi è coerente. Pascale&Co hanno ordito un programma speciale, ma non troppo.

Ancora temi di bilancio ed argomenti di natura contabile alla base del consesso
La maggioranza lacchese sforna bilanci e la minoranza fa incetta di interrogazioni e richieste di accesso agli atti. E’ il gioco delle parti, la deriva del momento. Ancora temi di bilancio ed argomenti di natura contabile alla base del consesso, ancora numeri e conti da far quadrare.
Nello specifico la Convocazione di Consiglio Comunale, in seduta ordinaria in prima convocazione, è stata fissata per il giorno 18 maggio 2021, alle ore 17,30 ed in seconda convocazione il giorno 20 maggio 2021, alle ore 17,30.

A darne notizia il Sindaco Giacomo Pascale: “La seduta si svolgerà a porte chiuse, consentendo il solo accesso della stampa accreditata. Si informa che saranno trasmessi sulla pec istituzionale di ciascun Consigliere gli atti relativi alle proposte all’ordine del giorno del consiglio comunale in parola, nei tempi di legge. La pubblicità della seduta verrà garantita mediante videoregistrazione dell’adunanza, che sarà disponibile dal giorno successivo al Consiglio comunale sul sito istituzionale del Comune di Lacco“. La seduta del Consiglio Comunale presso la sala consiliare comunale, nel rispetto della normativa sul distanziamento sociale e sull’utilizzo di sistemi di protezione individuale, per discutere il seguente ordine del giorno: 1. art.194 del D.Lgs.267/00. riconoscimento debiti fuori bilancio a seguito di ordinanze di assegnazione del giudice dell’esecuzione R.G.E. 014176/2019; 2. approvazione del Rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2020, ai sensi dell’art. 227 comma2 del D.Lgs. n. 267/2000 e dell’art. 18 comma 1 lett. b) del D.Lgs. n. 118/2011. In particolare in vista del consesso si registra un vertiginoso aumento, già approvato in Giunta, delle tariffe per l’uso della Palestra Valentino Aceti e del Campo sportivo Patalano. Aumentano anche i costi del trasporto Taxi. La curiosità: aumentano i costi per raggiungere la zona alta del terremoto di Casamicciola Terme (+ 3 euro).

Tariffe in aumento. “Su“ i luoghi dello sport e i costi dei taxi
Con Deliberazione della giunta comunale n. 34 del 28/04/2021 è arrivata infatti la modifica tariffe utilizzo palestra comunale e campo sportivo “V. Patalano.
Una variazione che bilancia la distinzione fatta sin qui tra società residenti e non residenti. Diminuisce la tariffa per questi ultimi, aumenta, quasi in maniera vertiginoso per le società lacchese. Variazioni indicative, fatte salve alcune voci. Come diceva Andreotti “a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca“ cosi è bene sottolineare che tra le principali società sportivi fruenti le strutture ci sono quelle vicine alla compagine di Opposizione del Senatore Domenico De Siano. La Giunta Comunale, con la deliberazione n. 33 del 28/04/2021, ha modificato le tariffe per l’utilizzo della palestra comunale “Aceti“ ed il Patalano, vigenti dal 2015, portando la tariffa oraria per le società sportive regolarmente affiliata le federazioni nazionali di categoria sportiva o ad un ente di promozione sportiva riconosciuta a 18 € l’ora. Viene altresì stabilito di uniformare e tariffe per tutte le società sia residenti che non residenti nel comune di Lacco Ameno, mentre prima era fatta distinzione tra le residenti nel comune di Lacco Ameno che pagavano 6 euro all’ora e quelli non residenti che pagavano 25 € all’ora. Restano confermate le altre tariffe. Sostanziose e quasi incredibili le variazioni alle tariffe taxi. E’ tutto scritto nella deliberazione di giunta comunale n. 85 del 31/05/2018 ad oggetto “adeguamento tariffe predeterminate servizio taxi” .

L’esecutivo ha aderito alla richiesta di tassisti a modificare la delibera di giunta comunale numero 85 del 31 maggio 2018 con adeguamento delle “tariffe del servizio taxi, modificando l’importo delle cifre vigenti per alcune tratte ed istituendo nuovi percorsi con le relative tariffe”. In particolare viene modificata la tariffa di euro 15,50 con euro 18,00 per la tratta Lacco Ameno-Casamicciola alta, ovvero la zona del terremoto e l’importo della tariffa di euro 24.00 con euro 25.00 per la tratta Lacco Ameno-Ischia Ponte.

Sono state altresì istituite le nuove tratte Lacco Ameno-Piazza Santa Restituta (Negombo) per Ischia Porto con un importo della tariffa pari ad euro 25 Lacco Ameno Piazza Santa Restituta (Negombo) per Ischia Ponte con l’importo di euro 30,00 e Lacco Ameno per Barano spiaggia dei Maronti con l’importo di euro 35,00. Le tariffe predeterminate con decorrenza dal 10 maggio 2021.

La minoranza chiede l’acceso agli atti sulla vigenza o meno dello stato di dissesto finanziario del Comune di Lacco Ameno. Interrogazione urgente con risposta scritta.
I consiglieri comunali di opposizione di Lacco Ameno, in vista dell’approvazione del rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2020, da parte del Consiglio Comunale si rivolgono alla Corte dei Conti ed al prefetto di Napoli per sapere se il Comune di Lacco Ameno versa ancora allo stato attuale in una situazione di dissesto finanziario di cui alla delibera del Commissario Prefettizio n. 1/2015; se l’organo straordinario di liquidazione abbia predisposto e approvato il relativo rendiconto della gestione della liquidazione ai sensi del comma 11 art. 256 TUEL 267/2000; se il Ministro degli Interni con proprio decreto abbia approvato il piano di estinzione delle passività pregresse ai sensi dell’art 256 TUEL e se sia presente agli atti del Comune una determina del Responsabile dell’ufficio economico e finanziario o una delibera di GM che chiude definitivamente lo stato di dissesto.

In mancanza di una risposta chiara ed esaustiva, i sottoscrittori della richiesta produrranno, agli uffici in indirizzo, copia della documentazione di altri Comuni Italiani che si trovano nella stessa situazione di Lacco Ameno. Chiamati ad effettuare le verifiche sugli aspetti della gestione economica finanziaria del Comune, i consiglieri ritengono in modo imprescindibile acquisire la sopra citata documentazione per assolvere correttamente gli obblighi previsti dal mandato popolare. Insomma per De Siano e Co. I conti lacchesi sono ancora deficitari e molte procedure sono palesemente illegittime. Vedi scialacqui assunzionali e via dicendo.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Forio, venerdì riapre l’Hub vaccinale di via Casale

Venerdì 18 giugno riprenderanno le attività della campagna vaccinale presso l’Hub di Forio (Palazzetto dello Sport in via Casale).Per...
- Advertisement -