Giovane dato alle fiamme su una panchina?

    0

    Grave episodio ad Ischia Porto. Giovane dato alle fiamme su una panchina?
    E’ accaduto ieri notte dinanzi al Bar Ciccio. Si tratta di Giovanni Giugluano di Napoli.Sul caso indaga la Polizia agli ordini del vice questore Stefania Grasso. Stando al racconto del giovane, lo stesso si sarebbe accorto delle ustioni solo dopo essersi risvegliato. Oggi il trasferimento al centro grandi ustionati del Cardarelli di Napoli


    IDA TROFA | Un racconto incredibile, la parziale ricostruzione di un fatto gravissimo e pericoloso che avrebbe potuto avere effetti letali per la vittima di questo folle gesto. Un episodio sul quale indaga la Polizia di Ischia agli ordini del Vice questore Stefania Grasso. Nella notte di ieri un giovane, Giovanni Giugliano di Napoli,in vacanza a Casamicciola con sua madre (spiti di un’amica)è stato al centro di una vicenda dai molti lati oscuri.  Il giovane, stando al suo racconto, era addormentato su di una panchina dinanzi al bar Ciccio.

    Al suo risveglio si è ritrovato con le gambe e le braccia ustionate. Il ragazzo ha poi raggiunto il Pronto Soccorso del’Ospedale Anna Rizzoli dove ha chiesto aiuto ai medici. Qui è stato medicato e sottoposto alle indagini ed alle cure mediche di rito prima di essere ricoverato presso il Reparto di Chirurgia del Dottore Roberto Malvaso. Il giovane non è in gravi condizioni, le sue ferite ustioni di secondo grado sono state giudicate guaribili in poche settimane. Sarà, però, trasferito oggi presso il reparto specializzato grandi ustionati del Cardarelli di Napoli attraverso i mezzi propri dell’ospedale e poi in idroambulanza.
    Ore 11,10- In merito al trasferimento in mare per il giovane nella mattinata di oggi martedì 19 si è deciso di far viaggiare il ragazzo a bordo di un mezzo di linea. Il traghetto delle 11,10 da Ischia porterà il giovane alla volta di Napoli e poi in ambulanza al Cardarelli.

    Fatti e circostanze che se fossero confermate dagli inquirenti aprirebbero uno squarcio su una preoccupante realtà di violenza che non può essere annoverata nei semplici fatti di teppismo. Ischia sempre più provincia degradata e pericolosa con una comunità che non riesce più a dormire sonni tranquilli.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui