lunedì, Marzo 8, 2021

Gara per i rifiuti a Barano, alla “Multiservizi” sbagliano anche la data nella lettera di invito!

In primo piano

Il saltino. Paura delle dimissioni: Gianluca Trani passa in maggioranza come Antonio e Antonello. Da semplice consigliere comunale

Gaetano Di Meglio | Termina la crisi politica di marzo del comune di Ischia. Gianluca Trani passa da “Ischia...

La “messa” in sicurezza è finita, aprite in pace la “Parrocchia” di Casamicciola

Il comune preme sulla Curia per restituire al culto il sacro luogo. L’occasione è data dalle imminenti festività pasquali. Castagna tuona:“Non posso esimermi dall’informarVi che nulla osta all’utilizzo dell’immobile, pertanto a partire dal 15 marzo 2021 sarà cura del comune assicurare l’apertura della Basilica tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 esclusi il sabato e la domenica, salvo ulteriori disposizioni“

Enzo Ferrandino: “Non ci interessa una operazione zeppa”

Il sindaco azzera i malumori dei suoi e liquida l’apertura di Ottorino Mattera: “apriamo alle forze responsabili”. Una buona “valutazione” per Gianluca?

Incredibile ma vero! A Barano riescono a commettere un errore anche nella lettera di invito alla gara per aggiudicare il servizio di smaltimento dei rifiuti biodegradabili.

La “Barano Multiservizi” ha infatti indetto la gara con procedura negoziata sotto soglia comunitaria con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Come detto, c’è da aggiudicare il servizio di smaltimento in Centro di Raccolta autorizzato dei rifiuti biodegradabili di cucine e mense e dei rifiuti biodegradabili da erba e sfalci di potature (e non stralci, come peraltro riportato nella lettera. Ma questo sarebbe un errore veniale). Nel primo caso l’importo a base d’asta ammonta a 195 euro a tonnellata (per una quantità di rifiuti stimata in circa 920 tonnellate); nel secondo caso a 95 euro a tonnellata (per una quantità stimata di circa 300 tonnellate).

Dunque l’importo complessivo dell’appalto soggetto a ribasso è pari a 207.900 euro oltre Iva al 10%. Nella lettera di invito si precisa anche «che la durata dell’appalto è vincolata ai quantitativi di rifiuti su indicati».

Fin qui tutto bene. Peccato che nella intestazione venisse riportato: «Lettera di invito a presentare offerta entro il termine delle ore 12:00 del 21.01.2021» e poi, in un passaggio successivo nel testo della lettera: «Il plico contenente la documentazione specificamente indicata all’art. 4 del Disciplinare di gara dovrà pervenire, a pena di esclusione, entro le ore 12:00 del 26.01.2021 in uno dei modi previsti dall’art. 6 del Disciplinare di gara».

Due date diverse. Ma allora quale è il termine giusto? Un errore che potrebbe inficiare la gara. Il rup Nicola Pascale per fortuna si è accorto in tempo dell’errore e ha provveduto ad inviare una nota di precisazione alle ditte invitate, correggendo ogni errore: «Spett.le Ditta con riferimento alla procedura di gara in oggetto, prot. 74 del 15/01/2021, Rifiuti biodegradabili e sfalci e potature (CER 200108 e 200201), Vi rappresentiamo che la scadenza della stessa è fissata per il giorno 26/01/2021 alle ore 12.00. Tale precisazione si rende necessaria tenuto conto che sulla lettera d’invito sono riportate, per mero errore materiale, due differenti date 21/01/2021 e 26/01/2021».

Dunque il termine esatto è quello del 26 gennaio. Mentre l’apertura dei plichi contenenti le dichiarazioni e la documentazione amministrativa è programmata per il 28 gennaio alle ore 16.30 presso l’Ufficio Ragioneria del Comune di Barano.

Il solito errore materiale che si traduce nell’ennesima figuraccia… Possibile che non si riesca a porre maggiore attenzione nella stesura di atti così importanti?

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Riflessione sul Venerdì Santo, il grido di dolore de “I Ragazzi dei Misteri”

Con chiarezza e frasi dirette "I Ragazzi dei Misteri" illustrano la situazione in cui vive l'associazione e le prospettive...
- Advertisement -