lunedì, Marzo 8, 2021
Array

Furti d’estate, Giosuè Canepa resta a Poggioreale

Il riesame ha respinto il ricorso anche per i tre marocchini accusati in concorso di ricettazione e attualmente sottoposti al divieto di dimora sull’isola

In primo piano

Ottorino Mattera: «Enzo e Gianluca? Hanno lo stesso infantilismo politico»

Perchè Gianluca ti ha escluso? Sono entrati in gioco questioni velleitarie di natura personale e un passaggio del “do ut des”. Forse per Gianluca Trani è stato più più utile fare il passaggio in maggioranza che mantenere, invece, gli impegni che lui aveva preso con il suo elettorato...

Il saltino. Paura delle dimissioni: Gianluca Trani passa in maggioranza come Antonio e Antonello. Da semplice consigliere comunale

Gaetano Di Meglio | Termina la crisi politica di marzo del comune di Ischia. Gianluca Trani passa da “Ischia...

La “messa” in sicurezza è finita, aprite in pace la “Parrocchia” di Casamicciola

Il comune preme sulla Curia per restituire al culto il sacro luogo. L’occasione è data dalle imminenti festività pasquali. Castagna tuona:“Non posso esimermi dall’informarVi che nulla osta all’utilizzo dell’immobile, pertanto a partire dal 15 marzo 2021 sarà cura del comune assicurare l’apertura della Basilica tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 esclusi il sabato e la domenica, salvo ulteriori disposizioni“

 

Il tribunale del riesame ha respinto il ricorso presentato dal difensore di Giosuè Canepa, accusato di ricettazione, per ottenere la scarcerazione o la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari. Identica sorte per i tre presunti complici, i tunisini Youness Rhazoui, Mohamed Hichami e Khalid Mortada, arrestati insieme al foriano alla fine di agosto e per i quali resta efficace il divieto di dimora sull’isola d’Ischia disposto dal gip.
Il Canepa e i tre extracomunitari erano finiti in manette ad opera dei carabinieri del Nucleo operativo che indagavano sui numerosi furti ai danni di private abitazioni e di esercizi commerciali verificatisi nel corso dell’estate. Durante il blitz nel campeggio di Ischia dove il foriano e i tunisini dimoravano in una roulotte, i militari recuperarono un vero e proprio tesoro in oggetti preziosi e materiale informatico: sedici iPhone, sette Smartphone, sei tablet, nove iPad, diciannove cellulari, nove computer portatili, un tv led da 40 pollici, nove macchine fotografiche digitali, trentadue pen drive, tre hard disk esterni e otto schede di memoria; quindici paia di orecchini d’oro e d’argento, alcune perle, sei girocollo d’oro con brillanti e perle, sei anelli d’oro e pietre, un bracciale d’oro, quarantadue orologi da polso e un grosso specchio da parete con cornice in argento e radica di noce. La refurtiva era nascosta in un sacco di plastica celato in un buco nel terreno, nella disponibilità di Giosuè Canepa, come anche i 2.900 euro in contanti.
All’udienza di convalida i tre marocchini avevano proclamato la loro estraneità, mentre il Canepa aveva ammesso di essere responsabile dei colpi in alcune abitazioni ed esercizi commerciali. Il suo difensore però ha posto in evidenza che anche dopo l’arresto del foriano, i furti sono proseguiti, a riprova che non tutte le responsabilità possono essere addossate al suo assistito. Solo dopo la conclusione delle indagini il Canepa potrà sperare di ottenere i domiciliari e, successivamente al rinvio a giudizio, la libertà.


- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Covid e zona rossa. Enzo Ferrandino scrive al ministro Speranza: “valutare il contesto insulare come realtà non assimilabili al contesto territoriale regionale”

...presentano con riferimento al Comune di Ischia ed ai Comuni Barano d’ischia, Casamicciola Terme, Forio, Lacco Ameno e Serrara Fontana una situazione epidemiologica particolarmente contenuta che consente ed anzi impone la valutazione del contesto insulare come realtà dalle peculiari caratteristiche non assimilabili al contesto territoriale regionale
- Advertisement -