#francigena2020 – In cammino da Acquapendente a Bolsena

Il diario di Mirko Batoni

0

Da Acquapendente a Bolsena, dalle campagne al lago. Mirko Batoni continua la sua personalissima esperienza lungo la Via Francigena.

Ci racconta: “Entrati nel Lazio il paesaggio cambia drasticamente. Niente più colline e orizzonti infiniti, si è in una valle e dopo tre giorni di cammino sulla cima, letteralmente, delle creste senesi, stare in pianura fa sentire un po’ “prigionieri”, ma ciò non toglie che il tutto è davvero bellissimo.

La prima emozione di oggi è stata la visita al Santo Sepolcro – ci racconta – in quanto Acquapendente è considerata la “Gerusalemme d’Europa” perché nella Basilica vi è una riproduzione fedele del Santo Sepolcro. Una emozione unica, anche se non è quello vero, ma è riconosciuto dalla Chiesa. Ho avuto il piacere di visitarlo da solo e dopo più di 100km l’emozione è stata unica.”

La pandemia da covid ha modificato, ovviamente, anche il via Francigena: “Nelle strutture ho trovato sempre persone molto gentili e disponibili, che sanno che si è un pellegrino e apprezzano il passaggio nel loro paese. Molti sono piccoli borghi in cui i visitatori vanno via prima della sera e i pellegrini che vi dormono sono visti in modo diverso. Le normative anticovid sono, comunque, molto ferree e ci si sente protetti e seguiti. Ci sono varie possibilità di soggiorno per tutte le tasche, dagli ostelli agli hotel, ma tutti molto accoglienti e gentili. Anche per quanto riguarda i ristoranti, assaporare le bontà dei luoghi visitati, ritrovando la storia anche nei piatti, è alla portata delle tasche di tutti.”

Mirko ci ha poi confidato che “camminare è seguire i propri ritmi. Ti da una sensazione di libertà e di consapevolezza degli spazi. Nel cammino, ad esempio, al primo giorno si pensa che è una impresa pesante, poi giorno dopo giorno si aprono gli orizzonti e si vorrebbe non tornare mai alla vita di tutti i giorni. Io sono ormai al giro di boa, e so che mi mancherà. E’ una sensazione di libertà assoluta, ci si sente vivi. Si ha tempo per pensare, infatti io viaggio da solo e ci sono momenti in cui si sente che la Natura ti accoglie nella sua dimensione.

La Francigena è un amplificatore di emozioni e ci si sente diversi. E’ un crescendo continuo di emozioni attraversando i paesini più o meno grandi, ci sono accoglienze indimenticabili e ogni luogo lascia qualcosa al pellegrino. Loro lasciano qualcosa a te e te lasci qualcosa alla Francigena.

Penso che Bolsena sia una grande donna che flirta con chi la raggiunge e va conquistata, è un bellissimo posto con il castello, il lago, il centro medievale… ci sarebbe tanto da vedere, ma come pellegrino, alla sera le gambe son stanche.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui