Fortu | 4WD

0

Nessuna ragione umana può resistere ai disegni imperscrutabili di Dio (per chi ci crede, ovviamente). E questo vale anche nella considerazione della fortuna, dea bendata spesso crudele e anche dispettosa, ma proprio per questo anch’essa considerabile divina. Lo stesso Dante attribuì a Virgilio, nel settimo canto dell’Inferno, una definizione sovrannaturale della sorte, definendola in modo a tratti irriverente come quella che “provede, giudica, e persegue suo regno come il loro li altri dèi… Quest’è colei ch’è tanto posta in croce pur da color che le dovrien dar lode, dandole biasmo a torto e mala voce; ma ella s’è beata e ciò non ode: con l’altre prime creature lieta volve sua spera e beata si gode.”

Chi di noi avrebbe mai scommesso che, in pieno terzo millennio, saremmo stati soggetti ad una pandemia che avrebbe condizionato radicalmente il corso della nostra vita? Eppure sono tantissime le circostanze che possono portarci a rimettere in discussione il nostro essere ed esistevano anche prima: la nascita di un figlio, la perdita del lavoro, una malattia inaspettata per sé o per un proprio caro, una vincita milionaria, un tradimento inimmaginabile da una persona fidata.

Questione di fortuna? Dio esiste o no? O senza scomodare la nostra spesso pigra spiritualità, sarebbe forse preferibile aggiungere un pizzico di fatalismo all’esistenza di ciascuno di noi?

Chi vuol esser lieto sia, di doman non c’è certezza”, scrisse Lorenzo de’ Medici. Eh sì, della vita va colto ogni piccolo attimo, goduto fino in fondo, fatto fruttare fino all’infruttuosità. Perché quando mai te l’aspetti, quella dea può voltarti le spalle, lasciandoti solo con i tuoi ricordi, con la stima e il bene di tanti ma anche con l’indifferenza di altrettanti, mentre incedi faticosamente e tristemente in quello stesso tratto di strada per ore e ore. Tu, solo con i tuoi pensieri, i tuoi rimpianti e, magari, quella maledetta ironia della sorte di chiamarti Fortunato.

Ora sì.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui