Follia Casamicciola: spiaggia libera su prenotazione. Che sia disobbedienza civile!

0

La follia amministrativa di Casamicciola andrebbe combattuta con una violentissima e fortissima azione di disobbidienza. Ci vorrebbero i cassonetti incendiati per strada e la rivolta popolare contro questa follia firmata da Giovan Battista Castagna che serve solo ad alimentare inutili clientele politiche e sperperare danari pubblici. Una inutilissima iniziativa, isolata, che non trova giustificazione secondo nessuna regola. Ma il popolo di Casamicciola, così come per il terremoto, così come per le spiagge libere. L’unica speranza, a questo punto, è la ribellione, anche violenta, dei turisti che popolano i nostro comuni.

Spiagge libere su prenotazione!

Il comunicato dell’assurdità. “Un portale di facile consultazione, un numero di telefonia mobile a disposizione dell’utenza magari poco avvezza alla navigazione su internet, assistenti pronti a vigilare sugli arenili al rispetto delle normative anti contagio oltre che a fornire informazioni utili a residenti e turisti. Parte domani, mercoledì 12 agosto, il progetto “Spiagge sicure”, voluto dall’amministrazione comunale di Casamicciola (in collaborazione con Marina di Casamicciola) che si pone l’obiettivo di regolamentare il flusso sugli arenili ubicati sul territorio comunale (Convento, Suor Angela e Fundera) attraverso l’ausilio di 13 unità selezionate cui è stata assegnata una borsa lavoro.

La consultazione del sito è facile e accessibile: bisogna registrarsi, poi selezionare la spiaggia ed inserire la data nella quale si intende recarsi sull’arenile prescelto ed anche il numero di persone presenti tra adulti e bambini. Da sottolineare che l’ingresso alle spiagge è assolutamente libero previa prenotazione, ma ci si potrà recare anche direttamente sul posto: in tal caso, però, l’accesso sarà garantito solo in caso di disponibilità. Di fatto gli addetti provvederanno a contingentare esclusivamente il numero di presenze, basandosi sui posti disponibili stabiliti in base alle norme sul distanziamento stabilite da DPCM, ordinanze regionali e sindacali oltre a regolamentare il flusso in entrata ed uscita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui