fbpx

Finestre chiuse e “nu palmo ‘a rasso” |#4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 7 ottobre 2021

Must Read

Memore imperituro del concetto espressomi dall’amico e docente del MET Bocconi, il prof. Giovanni Viganò, secondo il quale “non c’è qualità del soggiorno per il turista laddove non c’è qualità della vita per i residenti”, vorrei parlarVi quest’oggi di un particolare parallelismo.

Primo caso, quello dei residenti di Via Iasolino (per essere precisi, quelli abitanti alle spalle del Palazzo D’Ambra): nonostante le “stanze dei bottoni” siano state più volte sollecitate, la vita di queste persone è letteralmente stravolta dall’enorme mole di traffico veicolare da/per la Banchina Olimpica, che annovera tantissimi mezzi pesanti, ingombranti e, soprattutto, inquinanti. La rassegnazione di tali persone, che va oltre il carico oggettivamente eccessivo di quello scalo e delle strade ed aree ad esso circostanti, è giunta al punto da vivere con la costante privazione di aprire le proprie finestre.

Secondo caso, quello della famiglia Albanelli: l’annosa, irrisolta querelle tra questi nostri concittadini e i decibel dei locali in Piazzetta dei Pini, senza per questo dimenticare i loro allegri nottambuli avventori (al pari di quanto accadeva anni fa alla famiglia Di Meglio con l’ex Ciaomare e il Friends), li costringe da sempre a vivere barricati in casa, ogni sera nei mesi di punta e saltuariamente in quelli più spenti, per limitare al minimo l’invasività del suono che gli impedisce il riposo e la più spicciola pace domestica. Esisterà pure un punto d’incontro tra le esigenze di chi lavora nel by night e i residenti nei dintorni: ma possibile che proprio non si riesce a trovarlo?

Detto ciò, mi pongo un quesito abbastanza consequenziale: ci sarà un giorno in cui ognuno di noi riuscirà a preoccuparsi, anche col voto, non solo di quello che accade a un palmo dal suo posteriore, ma di tutto ciò che possa migliorare la qualità della vita di tutti? O sarà più comodo chiudere anche la nostra finestra, quella che affaccia su un’Ischia sempre più egoista?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Contro l’ex cartello del Golfo di Napoli l’Antitrust prende tempo: altri 60 giorni

L’Antitrust, alla luce della propria delibera adottata il 14 gennaio 2020 ha ritenuto necessario prorogare il termine di chiusura del procedimento al fine di garantire alle parti un pieno esercizio dei diritti di difesa. Il termine di conclusione del procedimento è stato cosi prorogato al 31 dicembre 2021