Festa per il gemellaggio tra la Banda Città di Forio e l’Orchestre d’ Harmonie de la Ville de Tours

0

Si è concluso da pochi giorni il gemellaggio tra la “Banda città di Forio” e l’Orchestre d’ Harmonie de la Ville de Tours, che, grazie all’efficienza della macchina organizzativa messa in moto dal sindaco e dai vice sindaci della cittadina francese, si è svolto linearmente nonostante le avverse condizioni metereologiche.

La kermesse ha visto un’enorme partecipazione popolare, richiamata, durante la festa patronale  di San Martino, dal centenario della firma dei trattati di pace che posero fine al primo conflitto mondiale, segnando il primo maturo tentativo di istituire una rete di solidarietà e di pace fra gli stati europei.  Gli stessi sentimenti hanno unito ai giorni nostri questi musicisti, come ha sottolineato il sindaco di Tours nel discorso che ha aperto le celebrazioni nel fastoso salone delle feste del palazzo comunale: “…. A testimonianza dell’importanza di questo dialogo e di questi legami che ci arricchiscono reciprocamente ogni giorno, sono lieto di dare il benvenuto alla banda “Città di Forio” ….. Vi ringrazio profondamente per la vostra presenza in questo giorno simbolico….. Tengo in modo particolare a rendere omaggio (benché assenti) al sindaco e agli amministratori  della città di Forio: siete qui come a casa vostra….”.

Un’accoglienza così cordiale ha subito riscaldato  l’atmosfera in cui si è svolto il primo concerto: nella sala di Benais, sul palco appositamente approntato, dopo l’orchestra “Band Brass du Pays Bourgoullois” composta di soli ottoni e diretta dal maestro Michael Muclert, si sono esibiti i nostri ragazzi in un ricco repertorio di brani classici e sinfonici interpretati  dal soprano Antonella Iacono e dal maestro Claudio Matarese, strappando alla smaliziata platea francese, stipata nella sala gremita, ripetuti applausi, che hanno accompagnato anche l’uscita dei musicisti dalla sala, mentre il pubblico entusiasta “faceva corridoio”

Il successo si è ripetuto nel pomeriggio del giorno successivo, nel settecentesco salone delle feste del palazzo comunale di Tours, alla presenza delle autorità civili e militari e delle centinaia di spettatori che hanno riempito la splendida sala superbamente affrescata: le celebrazioni  sono state aperte dal maestro Emmanuel Jacquet, con l’orchestra cittadina, a cui ha fatto seguito il concerto della banda foriana. Il ricco carnet di melodie classiche e napoletane, accompagnate dalle voci del soprano Antonella Iacono e del maestro Matarese, è stato apprezzato con particolare entusiasmo dal pubblico francese che, pur non essendo aduso a manifestazioni di eccessiva partecipazione , ha reso omaggio ai nostri bravi musicisti con una lunga “standing ovation” dopo le ultime note della celebre “Funiculì funiculà”, espressamente richiesta dal sindaco locale.

Il clima di allegro cameratismo che ha unito francesi e foriani è continuato anche dopo lo scambio delle rispettive targhe ricordo, quando i musicisti di entrambe le orchestre hanno dato vita ad estemporanee improvvisazioni musicali che hanno coinvolto tutti i presenti. Le improvvisazioni sono continuate  per le strade e nei locali della movida di Tours. I nostri ragazzi si sono congedati da Tours con le note dell’inno del nostro amato patrono: saluto migliore alla città di San Martino non poteva esserci! Complimenti al maestro Matarese e a tutti i musicisti che con rigore e professionalità hanno tenuto alto il nome di Forio in Francia!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui