Festa: “Con la Mariglianese un pareggio che ci dà morale. Possiamo salvarci”

0

Il Real Forio resta ancora a secco di vittorie in questo 2020. La squadra biancoverde, dopo aver pareggiato nel derby col Barano, conquista il secondo punto nelle ultime 8 partite, impattando al Calise contro la Mariglianese nel turno infrasettimanale del campionato di Eccellenza. Benché fosse sceso in campo senza lo squalificato (per 2 turni) Joof e l’infortunato Babù, i foriani avrebbero potuto vincere la partita contro la diretta concorrente napoletana, ma avrebbero potuta anche perderla. Infatti, sullo 0-1, una traversa – colpita da Vitagliano – ha tenuto in vita la compagine isolana, riuscita poi a raggiungere il pari in extremis su calcio di rigore trasformato da Amabile. La classifica, però, continua a piangere per il Real Forio che, salito a 14 punti, ha visto allontanarsi ancora di più il Barano terz’ultimo con il Marcianise (oggi a 6 lunghezze), dopo che quest’ultimo è stato capace di battere il Real Poggiomarino in trasferta. Comunque, appena dopo il triplice fischio dell’arbitro, per commentare il pareggio fra Real Forio e Mariglianese è intervenuto ai nostri microfoni il calciatore biancoverde Gabriele Festa. Ecco le parole rilasciateci dal classe 1994.

Festa, il Real Forio ha pareggiato 1-1 al Calise contro la Mariglianese. Un risultato arrivato in extremis…
“Si, questo  un pareggio che ci dà morale. E’ importantissimo per noi, ci dà sollievo. Diciamo che abbiamo fatto tante partite importanti, però abbiamo raccolto poco. Il calcio di rigore nel finale, segnato da Amabile, cui ha dato quello che meritavamo in sostanza. Perché anche contro la Sibilla Flegrea abbiamo subito un risultato pesante, così come contro il Mondragone. Contro il Barano, poi, meritavamo la vittoria, che non è arrivata. Con la Mariglianese, invece, un punto che fa classifica”.

Il Real Forio aveva assenze importanti, come quelle di Babù ed Joof. Ma secondo lei la squadra biancoverde ha le qualità per raggiungere la salvezza?
“Contro la Mariglianese, il Real Forio ha dimostrato che può lottare per conquistare la salvezza. Quando ho firmato, sapevo a cosa andavo incontro. Diciamo che c’è da fare quasi un miracolo. Io, comunque, a Dio credo e credo anche ai miracoli. Quindi…questo mi sento di dire”.

Come sta Matteo Trani?
“Matteo è un po’ acciaccato da parecchio, ma sta recuperando. Per la partita contro la Mariglianese, noi senatori dello spogliatoio gli abbiamo chiesto di stringere i denti e di darci una mano. Lo ha fatto, poi ha tirato su bandiera bianca, però va bene così. Abbiamo bisogno di tutti. Oggi (mercoledì, ndr) c’è stata la dimostrazione che tutti hanno fatto la loro parte. Questo ci è servito. Ci ha fatto capire che le assenze importanti possono essere superate con la grinta e l’unione. Così possiamo arrivare a qualcosa di importante e concreto”.

QUI MARIGLIANESE – Al termine del match, anche Antonio Guarracino, allenatore della Mariglianese, ha parlato ai nostri microfoni. Ecco le sue parole: “Onore – esordisce il tecnico – ai ragazzi del Forio, che hanno venduto cara la pelle, ci hanno creduto, e hanno sfruttato la nostra scarsa lucidità e scarsa vena. Qualcuno ha frainteso il modo di fare calcio nella mia squadra. Onore al Real Forio, noi dobbiamo tornare coi piedi per terra, perché c’è da fare tanta strada, tante partite e noi non dobbiamo perdere quello che siamo già riusciti a mettere da parte. Abbiamo fatto un passo indietro. Siamo stati poco lucidi a concretizzare – aggiunge – le azioni non contano se non concretizzate. Abbiamo preso un palo ed una traversa, ma è inutile recriminare. La partita andava chiusa, perché con un rimpallo eravamo andati fortunatamente in vantaggio. Ma abbiamo pensato che dopo 5 minuti avevamo già fatto tutto e non era così. La mia squadra può fare ben altro. Noi oggi salvi? Non credo – conclude – siano tagliate fuori le altre. 9 partite sono tante, e le altre sono ad un tiro di schioppo. Non ci si può sentire arrivati a 18-20 anni. Testa giù e pedalare, la marcia non è quella che abbiamo tenuto ad Ischia”, chiosa il mister.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui