Fase 2, Rando riavvia la gara per il servizio N.U. Appalto da oltre 30 milioni per sette anni

0

Ci siamo! Dopo la sospensione causata dall’emergenza pandemia, il Comune di Forio ha nuovamente indetto la gara europea per l’affidamento del servizio di nettezza urbana. Gara che era stata indetta alla fine di febbraio per appaltare appunto il servizio di gestione integrata di igiene urbana e servizi accessori per la durata di sette anni (dal 2020 al 2027). Con un importo soggetto a ribasso di 33.088.888,14 euro, mentre l’intero progetto presenta un costo complessivo di 37.281.883,96 euro. Era così partito l’iter per espletare la procedura aperta sulla piattaforma telematica ASMECOMM e con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Fissando originariamente il termine ultimo per la ricezione delle offerte al 31 marzo scorso.

Ma poi erano intervenute le misure di contenimento del contagio da Covid-19 e il rup Vincenzo Rando aveva ritenuto opportuno di «sospendere la procedura di gara, per riprenderla successivamente non appena sarà passato questo momento emergenziale, in modo tale da assicurare la maggiore partecipazione possibile, dato atto, tra l’altro, che al fine di presentare le offerte di gara occorre necessariamente effettuare un sopralluogo sul territorio».

Da lunedì scorso però siamo ormai in una Fase 2 che consente di riavviare diverse attività, tra cui «i viaggi nella propria regione senza necessità di compilare l’autocertificazione; i viaggi tra regioni per comprovati motivi lavorativi con l’obbligo della compilazione dell’autocertificazione e, a decorrere dal 3 giugno 2020, gli spostamenti tra regioni diverse potranno essere limitati solo con provvedimenti statali». Richiamando l’ultimo D.P.C.M. del 17 maggio, Rando evidenzia che «può ritenersi conclusa la fase più stringente di “lockdown” del paese, con una riduzione significativa delle misure di restrizione degli spostamenti sul territorio nazionale».

Di qui «la possibilità di ripresa della normale attività amministrativa con l’avvio dei relativi procedimenti, peraltro necessari allo svolgimento di servizi essenziali quali la raccolta dei rifiuti urbani». E dunque Rando ha ritenuto di «procedere con la pubblicazione di una nuova procedura telematica per l’affidamento per il “Servizio di gestione integrata di igiene urbana e servizi accessori”, fissando dei nuovi termini per la presentazione dell’offerta».

In contemporanea con la nuova indizione della gara, Rando ha anche provveduto a nominare il direttore per l’esecuzione del contratto, «al fine di garantire il regolare svolgimento del servizio». In quanto per appalti di importo superiore a 500mila euro tale ruolo non può essere ricoperto dal rup. La scelta è quindi caduta sull’ing. Mauro Pizzuti Miragliuolo, funzionario del I Settore.

Dopo tante vicissitudini e l’inevitabile rinvio questa sembra essere la volta buona per riuscire – chissà quando – ad affidare il mega appalto per la N.U.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui