Esordio nel segno dei bomber!

0

Salvatore Mattera | Sorride soltanto l’Ischia, che vede vicina la qualificazione al turno successivo di coppa. Barano e Real Forio vengono sconfitte con identico punteggio, ambedue subendo una rimonta dopo essere passate in vantaggio, ma le attenuanti sia per i bianconeri di Di Meglio che per i biancoverdi di Leo non mancano.

E’ stato un esordio ufficiale agrodolce quello delle isolane. Tuttavia i risultati erano da mettere in preventivo. Mentre l’Ischia al “Mazzella” ospitava un Real Poggiomarino che sul piano tecnico forse esprime ancora di meno rispetto al bel complesso ammirato in Promozione due stagioni orsono a Fondobosso (non a caso, i biancocelesti si imposero sia all’andata che al ritorno), il rimaneggiato Barano era ospite del neopromosso Saviano che riparte dalla categoria superiore con non celate ambizioni.

Più avanti a livello atletico, i neroverdi hanno comunque dovuto faticare le proverbiali sette camicie per piegare gli indomiti aquilotti, che con un pizzico di fortuna avrebbero potuto portare a casa un risultato positivo e giocarsi la qualificazione contro l’Albanova (una delle big del girone A) mercoledì 23 settembre al “Don Luigi Di Iorio”. Sulla carta il compito più difficile lo aveva sicuramente il Real Forio. Tanti giovani in campo, molte le incognite alla “vernice” contro un Virtus Campania Ponticelli che si prendeva il lusso di partire con Sperandeo in panchina (anche se l’attaccante non era al meglio della condizione). Quella di Liquidato è una squadra costruita per ambire ai play-off in un raggruppamento meno problematico rispetto a quello casertano-napoletano. Ebbene, anche il Real Forio ha fatto la sua onesta figura. La sconfitta è arrivata nell’ultimo dei cinque minuti di recupero grazie a una serie di errori, sfociati in un calcio di rigore che i biancorossi di Ponticelli hanno sfruttato per evitare una mezza brutta figura. Sì, perché sul piano prettamente atletico avrebbero dovuto mettere sotto i foriani che, uniti e compatti, hanno lasciato pochi spazi agli avversari, tenendo bene il campo, subendo il pareggio ospite ma mettendocela tutta per iniziare la nuova annata col piede giusto. Per continuare la preparazione col morale alto ma anche per regalare ai circa quaranta ragazzi della curva (per l’occasione sul muraglione opposto alla tribuna perché si giocava a porte chiuse) una soddisfazione.

Il dato interessante che emerge da questo primo week-end agonistico riguarda gli autori delle reti delle tre isolane. Tutte e sei sono state siglate dagli attaccanti. Gli unici a non essere riusciti a bagnare il debutto con il gol sono il giovane Yigrem D’Antonio dell’Ischia (in verità, l’esterno è incline maggiormente all’assist e dare una mano alla mediana in fase di non possesso), l’ex compagno di squadra Giuliano Castaldi del Real Forio e Angelo Arcamone del Barano. Iniziamo dalla gara di sabato al “Calise”. Gli occhi erano tutti puntati su Salvatore Moccia, ventitreenne attaccante esterno, ex San Giorgio ma con trascorsi nelle giovanili del Parma. Un talento inespresso che, da solo, ha messo in seria difficoltà il reparto difensivo del Campania Ponticelli. Oltre al gol, da vero opportunista, Moccia ha dimostrato di potersi muovere con disinvoltura su tutto il fronte d’attacco, mostrando doti tecniche che raramente si ritrovano in Eccellenza. Una punta centrale esperta potrebbe agevolargli il compito. La società foriana, nonostante le ristrettezze del budget, sta provvedendo.

Al semaforo verde, il ventiduenne Ciro Sburlino del Barano non si è fatto pregare, regalando il momentaneo vantaggio ai bianconeri. Rispetto a Moccia, Sburlino non è una novità in quanto già nella scorsa stagione ha mostrato le proprie qualità. Rapidità e tecnica non mancano a questo calciatore su cui Di Meglio punta molto. Comunque una buona gara per Arcamone che, rispetto al compagno, per caratteristiche fisiche impiegherà qualche giorno in più per trovare una condizione atletica accettabile.

Dei quattro attaccanti gialloblù a disposizione di Monti andati a segno domenica pomeriggio al “Mazzella”, ne abbiamo parlato diffusamente. Una stoccata sopraffina per Gianluca Saurino (deviazione vincente con velocità e destrezza), un gol e due assist per Luigi Castagna. Di Gigio Trani la rete del 2-1 (oltre a un assist e un’iniziativa da cui è scaturito il gol del 3-1 di Castagna), con De Luise che nei minuti conclusivi s’è fatto trovare al posto giusto. Festival del gol, dunque. Con risultati del campo diversi ma pur sempre sei gol siglati dai punteros isolani. E come si suol dire: chi ben comincia…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui