fbpx
Home"Esco in taxi" scappa dal posto di blocco. Inseguimento nella notte

“Esco in taxi” scappa dal posto di blocco. Inseguimento nella notte

Un’altra notte di lavoro e di test alcolemici per i Carabinieri di Ischia che continuano con la più grande operazione di controllo e di repressione del fenomeno della guida in stato in ebrezza mai realizzato sull’isola. Ormai, non c’è notte di “movida” che non ci sia uno spiegamento di forze e di controlli “itineranti” che, col fiato sul collo, stanno cambiando le usanze dei nottambuli isolani.

Mentre sono in corso i controlli con due posti di blocchi, uno a Ischia all’altezza della Farmacia Sant’Anna e l’altro al Castiglione (domani mattina avremo i dati complessivi) si è verificato un episodio che deve farci riflettere e deve accendere bene i riflettori anche sulla iniziative di “ritorno sicuro” messe in campo sia dai privati che dalle istituzioni.

Così, capita che un taxi di “stasera esco in taxi” ha deciso non fermarsi all’alt. L’autista, con 4 ragazzi a bordo, è stato inseguito dai militari, raggiunto e multato con un provvedimento amministrativo che non dimenticherà facilmente. Una disattenzione? Possibile che un tassista non riconosca i cartelli e lo spiegamento di forza tanto da non capire l’ALT dei militari e tirare dritto? Poco credibile!

Bisogna chiedersi, a questo punto, chi e come si presta a questo servizio di “sicurezza” che dovrebbe evitare brutte sorprese, appunto, agli avventori della notte. Fretta di concludere il “viaggio”? Necessità di un altro carico? Tanti dubbi che dovranno essere chiariti.

Per l’autista “distratto”, oltre alla multa, 3 punti dalla patente e segnalazione al Prefetto.



Gli altri articoli
Related News
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui