Errori da evitare sulla scelta delle lampade LED

0

L’illuminazione data dalle lampade a LED è perfetta, se si punta ad ottenere dei vantaggi in termini di qualità della luce e risparmio energetico.

Va però anche detto che fare il passaggio alle lampade LED non sempre è semplice. A volte possono verificarsi dei problemi, a causa di una valutazione poco attenta del prodotto comprato.

Per cercare di evitare il più possibile i grattacapi dovuti ad un acquisto sbagliato, invitiamo a proseguire nella lettura del presente articolo: nei prossimi paragrafi, vengono evidenziati gli errori più comuni quando si acquistano questi prodotti di illuminazione a LED.

Confondere i watt con i lumen

Uno degli errori che molte persone commettono, è utilizzare il valore della potenza (espressa in watt) come indicatore della luminosità di una luce a LED.

Valutare i watt per capire quanta luminosità offra un certo prodotto di illuminazione, può essere utile nel caso di luci a incandescenza o a risparmio energetico. Ma le cose stanno diversamente con l’illuminazione a LED.

Infatti, le luci a LED consumano una quantità di energia molto bassa, ma al contempo donano una grande luminosità.

Ad esempio, i prodotti di illuminazione a LED che hanno un consumo energetico pari a 5-7 W, hanno lo stesso tipo di luminosità di quelli a incandescenza da 60 W.

Quindi, come capire quanta luce offra una determinata lampada o lampadina LED? Occorre prendere in considerazione un parametro diverso dal numero dei watt, che è espresso con l’unità di misura del lumen: più il suo valore è alto, maggiore è l’illuminazione che l’oggetto offre.

Credere che i LED esistano solo con colorazioni fredde

Nell’acquisto delle lampade LED, sono da prendere in esame anche parametri come la temperatura di colore e l’indice di resa cromatica.

Un tempo le lampade LED erano disponibili soltanto con colorazioni fredde, quelle che danno un senso di ordine e pulizia. Si distinguono dalle colorazioni calde, le quali regalano un’atmosfera più intima, accogliente e rilassante.

Ebbene: anche se in molti ancora non lo sanno, al giorno d’oggi è possibile acquistare anche lampade LED con colorazioni calde.

Per quanto riguarda l’indice di resa cromatica (abbreviato in IRC), si tratta di un valore che indica la resa luminosa di un prodotto illuminante, rispetto alla luce naturale. L’IRC viene misurato con una scala di valori da 0 a 100. Degno di nota è il fatto che le lampade LED hanno un IRC superiore a 80.

Se l’obiettivo è scegliere delle lampade LED per illuminare fiere, musei e gallerie d’arte, si consiglia di optare per quelle con un valore di IRC compreso tra 90 e 99, in modo da esaltare al meglio la brillantezza e la naturalezza dei colori degli oggetti esposti.

Non considerare l’angolazione luminosa della lampada LED

Le luci a LED emettono un fascio diretto, che illumina soltanto l’area desiderata, consentendo di risparmiare energia.

Quando si deve acquistare una lampada LED, è molto importante valutare il parametro relativo all’angolazione del fascio luminoso (che viene espresso in gradi), così da capire meglio quale sia il prodotto più adatto alle proprie esigenze, sulla base della particolare area che si desidera illuminare al meglio.

Acquistare una lampada LED dimmerabile inadatta al proprio dimmer

Il dimmer è un regolatore di luminosità. A volte, si acquistano le lampade LED con anche l’intento di poterle regolare con il dimmer già presente in casa (o altro edificio).

Tuttavia, dopo aver installato le lampade potrebbe capitare di sentire uno strano ronzio, o di notare qualche sfarfallio della luce.

Perché può succedere questo? Perché a parità di luminosità, il carico nominale di una luce a LED è molto inferiore rispetto a quello di una luce a incandescenza (che consuma più energia).

Come risolvere questo eventuale problema? Una soluzione sicuramente efficace è quella di acquistare un dimmer che sia specifico per le luci a LED.

Acquistare lampade LED che costano troppo poco

Le luci a LED sono maggiormente consigliate rispetto alle fonti luminose a incandescenza o a basso consumo energetico, proprio per via del loro principale punto di forza: risparmiare pur offrendo una buona illuminazione.

E anche se di solito hanno un prezzo più alto rispetto alle altre luci, tale costo potrà in seguito essere pareggiato e poi superato proprio grazie al fatto che consentono di risparmiare in modo significativo.

È meglio evitare di scegliere lampade e lampadine LED che costano troppo poco: il costo minore è dato dal fatto che, nel realizzarle, sono stati impiegati materiali di minore qualità. E l’uso di materiale non di prima scelta ha delle conseguenze negative, sia per quanto riguarda il livello di luminosità offerto dal prodotto, e sia in merito alla sua capacità di mantenere negli anni la tonalità di luce iniziale.

Dimenticarsi di valutare la durata della garanzia del prodotto

Quando si acquista una lampada LED, è molto importante controllare anche la durata della sua garanzia.

Di solito, più la garanzia è lunga e più il prodotto garantito è di qualità. Inoltre, una garanzia che dura per molto tempo offre una tutela maggiore al consumatore in caso di eventuali difetti di fabbrica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui