Elisabetta e i nuovi promossi | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 07 aprile 2020

0

Sono questi i due aspetti a cui dedicare il 4WARD di oggi: la novantaquattrenne sovrana del Regno Unito e il decreto che sancisce un momento storico dai rari precedenti per gli studenti scolastici di tutta Italia.

Ho ascoltato il quarto discorso rivolto ieri alla nazione in sessantotto anni di regno e sono rimasto colpito dalla risolutezza e dalla lucidità con cui Elisabetta II ha affrontato il tema del coronavirus, riuscendo ad infondere speranza nella sua gente senza per questo lesinare ammonimenti forti, pronti a richiamare ciascuno alle proprie responsabilità. La conclusione affidata ad un emblematico “ci rivedremo ancora!” è lo specchio fedele di una regnante senza età, che più impietosa del tempo che sembra scivolarle addosso, guarda al domani come se la sua vita avesse ancora tantissimo da riservarle. Un’icona di classe, la sua, che andrà ben oltre il capitolo di storia da lasciare ai posteri e il ruolo indiscusso della più amata e longeva tra i reali britannici.

Sotto il profilo scolastico, invece, il coronavirus dà ragione alla svogliatezza diffusa di buona parte degli studenti di scuola media e superiore, garantendo loro su un piatto d’argento la promozione all’anno successivo e, per i senior, un esame di maturità pro forma, senza neppure il brivido dell’ammesso/non ammesso. Una sorta di “livella scolastica”, per dirla alla Totò, dove gli sforzi e i risultati favolosi del secchione da nove in pagella e/o dai cento centesimi di valutazione finale vengono equiparati senza sé e senza ma alla sufficienza da strappare al fotofinish di chi sui libri proprio non è mai riuscito a starci più di tanto. Unica penalizzazione, l’inizio del nuovo anno scolastico al 1 settembre (a scuola o da casa, si vedrà) per favorire i recuperi del programma parzialmente svolto. Poco male, se vogliamo, in un’epoca in cui si è costretti da tempo a comode lezioni domestiche, tra un tramezzino alla Nutella, un WhatsApp e una partita alla Playstation.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui