Elezioni2020. Nappi (Lega): “Le carte cantano per De Luca e per me”

0

“Il guappo di cartone, che riveste il ruolo di presidente della Regione ancora per pochi giorni, non ha neanche il coraggio di nominarmi esplicitamente perché sa che il mio nome è immacolato, a differenza del suo” lo dichiara in una nota Severino Nappi, candidato in Campania con la Lega.

“Lui da 50 anni vive di politica, mentre io ho rinunciato ad accertare nuovi incarichi da avvocato dell’azienda regionale Eav quando sono stato nominato assessore. Anzi, per evitare conflitti anche solo potenziali, ho persino rinviato la richiesta di pagamento dei compensi per le attività svolte al termine della mia esperienza amministrativa” ricorda.

 
E aggiunge Nappi: “Questo fa la differenza tra me e lui. E la farà sempre. Per il resto” continua “promuovendo i suoi autisti personali a dirigenti, De Luca si è comportato semplicemente come Caligola, che nominò senatore il suo cavallo. Per sua sfortuna, però, non è un imperatore romano, ma solo il peggior presidente della storia della Campania. Un signore che lascia la nostra regione  con i più bassi tassi d’occupazione d’Europa e la più bassa spesa dei fondi europei d’Italia. Ha ragione Salvini: De Luca vergognati!”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui