fbpx

Ecco le stelle de Il Dispari. E’ arrivato il tempo di dire grazie

Must Read

E’ il tempo di dire grazie. E’ il tempo di dare un piccolo segno di riconoscimento. E’ il tempo di marcare il tempo. Sono trascorsi oltre 10 anni di questa intensa attività giornalistica che ha visto vari momenti e varie fasi. Oggi, grazie a sacrifici immensi di un gruppo di folli, siamo diventati un punto di riferimento per molti lettori. Per altri, quelli che amano dileggiarci, lo stesso.
Quest’anno, per la prima volta, abbiamo deciso di realizzare una piccola manifestazione, un piccolo evento per rimarcare due parole in particolare. Due parole che racchiudono due concetti ben precisi. Il primo è “grazie”, il secondo è “riconoscenza”.
Sí, ci piace dire grazie ed essere riconoscenti a chi, nel tempo, ci ha dato fiducia e, soprattutto, ha dimostrato e capito l’importanza del giornalismo. Sono tanti gli amici a cui dobbiamo dire grazie e a cui dobbiamo essere riconoscenti. Ma quest’anno partiamo così. Questa prima edizione di “Le Stelle” de Il Dispari è un momento per dimostrare la nostra riconoscenza e dire il nostro grazie ad 11 amici (il numero Dispari è cercato).
E lo faremo sabato 4 dicembre dalle ore 17.45 alla Biblioteca Antoniana di Ischia.
Quest’anno diremo grazie a 3 donne e 8 uomini.


RAFFAELE CALISE, 84 anni il 24 luglio
Raffaele Calise ha una penna innamorata. Scrive racconti e storie. E’ preciso, determinato e ci tiene al richiamo in prima pagina. Raffaele ha da sempre avuto la passione per la scrittura e, da sempre, crede nel giornalismo come leva per migliorare le condizioni delle comunità a cui si riferisce. Dopo una proficua collaborazione con Domenico Di Meglio e la sua storia, da novembre 2020, in piena pandemia, ha ripreso a scrivere a raccontare il suo mondo. GRAZIE

TONINO CARCATERRA 85 anni il 30 maggio
Il Maestro Carcaterra è una firma che impreziosisce le nostre pagine di sport. La rubrica mensile sul tennis, scritta a penna è una tradizione in redazione. Un esercizio romantico. Puntuale e attento il Maestro continua a raccontare di uno sport che continua a regalare grandi emozioni sul locale ma anche nei grandi tornei internazionali. RICONOSCENZA

PEPPINO DE SIANO, 76 anni il 9 luglio
Custode dei bei tempi. Peppino De Siano è, soprattutto, un Signore con la S maiuscola. La sua penna continua a regalarci spunti di passato e attimi di bellezza di un’Ischia che non esiste più. Una macchina del tempo preziosa. GRAZIE

ADRIANO ESPOSITO, 80 anni il 13 agosto
Ci legge, corregge e si incazza. Dà ordini, decide cosa va e cosa e non va: il comando è nel DNA degli Esposito. Adriano, un giovane 80enne, non ha problemi. Usa i social con intelligenza, scopre amori e racconta la sua Ischia. Di ieri e di oggi. Ed è un’ischia sicuramente migliore di quella che abbiamo e che vorremmo avere. GRAZIE

ROSA IACONO, l’età non si dice
Attiva, presente e combattiva. Non perde il suo smalto di mamma coraggio e rappresenta un presidio di orgoglio. Una voce che non riesce a tacere davanti a torti e storture. La sua battaglia per i disabili continua anche attraverso il nostro giornale. Da sempre. GRAZIE

ENRICO SCOTTI, 78 anni il 7 aprile
Con la trasformazione in quotidiano, ha rallentato la sua collaborazione. Il suo Ceci e Baccalà, però, è stato uno dei motivi vincenti della nostra edizione settimanale. Una bella esperienza di giornalismo libero, schietto, contro corrente e coraggioso. RICONOSCENZA

PEPPE D’AMBRA, 70 anni il 6 luglio
Soprattutto amico. Peppe D’Ambra continua a vedere il mondo con l’occhio del cronista. Attento ai problemi dei più deboli, Pannelliano mai domo, Peppe ci è stato sempre stato vicino. RICONOSCENZA

BRUNO MANCINI, 78 anni il 30 aprile
Bruno ha sposato la linea Dispari il 23 marzo 2009. Dalla morte di Domenico ad oggi è stato al nostro fianco. Sempre. Nel bene e nel male. La sua DILA non ha confini, ma per noi, la redazione senza Bruno non esiste. Vulcanico, poeta, contro corrente, dispari, imprendibile. GRAZIE

PEPPE BRANDI, 80 anni il 16 maggio
Peppe Brandi ha mostrato per questa realtà editoriale rispetto, stima e affetto. Ci ha regalato pagine uniche e ha reso le nostre domeniche migliori di quelle che già lo erano. Quando abbiamo avuto bisogno ha sempre risposto presente. Sempre. RICONOSCENZA

PATRICIA O’MAHONY, l’età non si dice
Autrice. La signora Patricia ci ha regalato un romanzo fantasy sulla storia dell’isola d’Ischia. Il nostro giornale le deve molto anche se non direttamente. E in questi lunghi 10 anni abbiamo sempre potuto contare sul suo aiuto. Sul suo sorriso e sul suo british. GRAZIE

SANDRA MALATESTA, l’età non si dice
La prof del direttore (Lui ci tiene a dirlo). Sandra Malatesta ha abbracciato la sfida Dispari senza timori. Ha una penna dolce, da mamma, sensibile e severa. Da vera professoressa. Un giornalismo a diverse profondità che impreziosisce la nostra edizione domenicale. GRAZIE

1 commento

  1. Ringrazio Gaetano N Di Meglio per avermi inserito nella formazione della squadra che hai tenuto il campo in questo primo decennio del suo quotidiano IL DISPARI. E lo ringrazio anche, o forse anche di più, per essere riuscito a tenere il pallone in campo senza farsi abbindolare dalle sirene degli speculatori politici economici e sociali. Trovo molto adeguati, gli aggettivi che mi ha riservato. Detto con un tocco di ironia e senza presunzione: vulcanico (lo diceva sempre di me il compianto amico Vincenzo Savarese), poeta (senza dubbio), contro corrente (mio marchio di fabbrica), dispari (Gaetano sa molto meglio di me il significato del termine), imprendibile (mi ricorda tanto Maradona!).
    Grazie.
    Vediamoci tutti in biblioteca il 4 dicembre oppure anche attraverso la diretta streaming in onda dalle ore 17 circa.

Rispondi a Bruno Mancini Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Ischia, PACO FROLA ha bisogno del nostro aiuto. Ha rischiato di morire!

Paco Frola, chef ischiano e da anni trasferito negli USA è attualmente ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di Morristown...