martedì, Maggio 18, 2021

Eccellenza. Meno quattro al semaforo verde

In primo piano

Tra quattro giorni prenderà il via il campionato di calcio più insolito, più singolare, più strano della storia del calcio dilettantistico regionale e nazionale. Da tempo lo definiamo mini-campionato perché, almeno a livello di Comitato Campano, tutto si deciderà in poco più di due mesi. C’è anche chi lo definisce vero e proprio torneo, perché rasenta i limiti di una manifestazione a rapido svolgimento. Tra ritardi elefantiaci e corsa contro il tempo per convincere le società a partecipare, perché tra febbraio e marzo nessuno tra FIGC e LND voleva prendersi la responsabilità di far ripartire l’Eccellenza in piena pandemia (alla fine hanno avuto la meglio pesanti pressioni politiche esercitate su chi comanda e chi organizza l’attività), fra qualche giorno il calcio giocato prenderà il sopravvento su tutto. Esattamente a sei mesi di distanza dall’ultimo appuntamento agonistico, Ischia e Barano si ritroveranno di fronte. Sullo stesso campo: il “Don Luigi Di Iorio”. Quella vittoria dei gialloblù di “Billone” Monti non è valsa nemmeno per le statistiche poiché superata dagli eventi, dalla necessità del Comitato Campano di “resettare” tutto e ripartire da zero per dare un minimo di credibilità e regolarità ad una stagione che inizia nel momento in cui solitamente il massimo campionato regionale volge al termine, con le società che si preparano ai play-off, ai play-out o a pensare all’annata successiva perché libere da impegni agonistici.

Dunque bianconeri e gialloblù si ritroveranno faccia a faccia, ma con situazioni tecniche assai diverse. Se nell’Ischia mancherà ad esempio l’attaccante Castagna (a riposo forzato dopo la positività riscontrata giovedì scorso), con Arcamone e D’Antonio in dubbio, in casa Barano saranno pochissimi i calciatori che giocarono il derby di sei mesi fa. L’arrivo di otto calciatori dal Lacco Ameno (poi diventati sette dopo l’addio del portiere Fluido, sostituito con il 2000 Marino, ex Gragnano) e di qualche elemento da altre società, ha evitato al presidente Buono di dover rinunciare a riprendere. Indipendentemente dalle scelte che farà l’allenatore Gianni Di Meglio, non saranno più di tre-quattro i giocatori bianconeri a fronteggiare di nuovo l’Ischia che ha assoluto bisogno di iniziare bene questo breve percorso, per poi sfruttare le altre due settimane sull’isola per completare la preparazione (seconda giornata di riposo), rimettere a pieno regime qualche pedina e prepararsi alla terza giornata, quando al “Mazzella” arriverà il Pianura. La squadra di Sasà Marra domenica al “Vallefuoco” di Mugnano se la vedrà con il caricatissimo Napoli United dei neo acquisti argentini Mustachi e Chavarria.

Il Real Forio, che oggi riprenderà gli allenamenti al pari delle altre due squadre isolane, nella prima giornata riposerà. Così mister Flavio Leo che avrà più tempo per mettere benzina nelle gambe dei suoi e consentire al centravanti Nicolas Jelicanin (al rientro dall’Argentina), ai procidani Muro e Veneziano, alle “chiocce” Chiaiese e Di Spigna, di prendere confidenza con i compagni. I biancoverdi cari a Luigi Esposito sono stati letteralmente baciati dal calendario visto che non si muoveranno dall’isola nelle prime sei giornate sulle dieci complessive. Il 18 aprile il Real Forio farà il suo debutto nel mini-campionato ospitando il Napoli United. Il return match contro gli ex “multietnici” (16 maggio) rappresenterà la prima gara in trasferta dei foriani.

S.M.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Ultim’ora sul fronte abusivismo e demolizioni. Sospeso abbattimento a Napoli su ricorso dell’avvocato Bruno Molinaro

Quando l’ultimo filo di speranza era venuto meno e la disperazione aveva ormai preso il sopravvento, la Procura della...
- Advertisement -