Eccellenza. Mario Lubrano nuovo d.s. dell’Ischia?

ECCELLENZA | IL GIOVANE DIRIGENTE LASCERA’ L’ISOLA DI PROCIDA. Nei giorni scorsi ha incontrato sia la proprietà che Taglialatela. Si attende l’annuncio ufficiale

0

Giovanni Sasso | Con molta probabilità, l’Ischia Calcio edizione 2020/2021 avrà un direttore sportivo. Non scriviamo “nuovo” perché questa carica è stata ufficialmente vacante nelle ultime due stagioni, in cui a supervisionare tutta l’attività c’era unicamente Pino Taglialatela. Stiamo parlando di Mario Lubrano Lavadera, giovane dirigente sportivo che fino alla passata stagione ha fatto parte dell’Isola di Procida. Laureato in giurisprudenza, ventinove anni, Mario Lubrano è cresciuto nella società della propria isola.

E non poteva essere altrimenti visto che il papà Gerardo è assai conosciuto per essere stato per anni attaccante della squadra biancorossa, per poi entrare in politica e diventare primo cittadino di Procida. Mario Lubrano ha “masticato” calcio fin da piccolo. Grande tifoso del Napoli, il dirigente ha mosso i primi passi nel mondo del calcio come addetto stampa del Procida, elaborando in maniera precisa ed esaustiva servizi della squadra a lui tanto cara, contribuendo a farla conoscere alla platea calcistica regionale. Qualche anno fa, Lubrano è entrato a far parte del network giornalistico di Gianluca Di Marzio, scrivendo articoli di cronaca sportiva e di colore sul portale che appartiene a tutti gli effetti alla piattaforma di “Sky”. Anche se è abbastanza giovane, il prossimo direttore sportivo dell’Ischia ha piena conoscenza delle categorie dilettantistiche.

Da anni fa parte stabilmente dell’Isola di Procida e nelle ultime stagioni ha ricoperto il ruolo di direttore sportivo, contribuendo al buon andamento della squadra biancorossa negli ultimi campionati, disputati con budget tutt’altro che faraonici. Acquisti sempre mirati, grande attenzione sul fronte spese, insomma, Mario Lubrano ha saputo mettere a frutto le esperienze maturate nella società in cui militano dirigenti e sportivi di vecchia data. Dal presidente storico Luigi Muro al papà Gerardo, da Biagio “Albertosi” Lubrano a Mariano Amalfitano, senza dimenticare altre figure importanti come ad esempio Matteo Lubrano, che nel corso degli anni hanno contribuito alle sorti del calcio procidano. Nella storica promozione del Procida in Eccellenza, Mario Lubrano, seppur giovanissimo, era praticamente il braccio destro di Nicola Crisano. L’ultima stagione per Lubrano non è stata delle più soddisfacenti per una serie di motivi, ma sicuramente non a livello tecnico perché il Procida guidato da Giovanni Iovine, fino all’interruzione causa pandemia, stava rispettando i pronostici della vigilia: stare a ridosso delle “big” Ercolano, Ischia e Pianura, in rigoroso ordine alfabetico.

Nei giorni scorsi, Mario Lubrano ha incontrato sia la proprietà che il direttore generale Pino Taglialatela. Il più che probabile arrivo del giovane dirigente può avere due importanti sbocchi. Uno a livello tecnico-gestionale, l’altro a livello di comunicazione. Giusto l’altro ieri abbiamo sottolineato come l’Ischia pecchi da questo punto di vista. La figura di Lubrano su questo aspetto è una garanzia. A livello tecnico, il neo dottore in giurisprudenza vanta una profonda conoscenza degli ambienti sportivi sia del Napoletano che del Casertano. Da anni è in contatto con presidenti, direttori sportivi e calciatori, di qualsiasi profilo. Una collaborazione che potrebbe diventare preziosa per l’Ischia Calcio. Per lo stesso Taglialatela, che si sgraverebbe di parte del lavoro, ma anche per lo stesso tecnico Monti che avrebbe un sostegno in più su cui fare riferimento. Nelle ultime tre stagioni, il connubio Lubrano-Iovine ha funzionato talmente bene che le soddisfazioni in casa biancorossa non sono mancate. Il futuro direttore sportivo dell’Ischia, a dispetto della carta d’identità, ha maturato delle esperienze in queste categorie e, aspetto importante, conosce molto bene l’ambiente ischitano, per i trascorsi giornalistici e per la conoscenza personale di molti calciatori non solo dell’Ischia ma anche delle altre realtà isolane. In attesa dell’ufficialità, questo a grandi linee il profilo di Mario Lubrano che porterà sicuramente una ventata di novità. La passione e l’entusiasmo non gli difettano. Il savoir-faire nemmeno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui