fbpx

@dopogaraEccellenza. De Stefano «Risultato bugiardo, il Barano si riscatterà»

Must Read

Esordio in campionato da dimenticare per il Barano, nettamente sconfitto da una Maddalonese che così, coppa compresa, inanella la terza vittoria in altrettante partite. Discorso completamente opposto per gli aquilotti che sanno di dover rimboccarsi le maniche per diventare una squadra dopo le ultime novità di mercato che hanno sì creato qualche buona alternativa a Isidoro Di Meglio che adesso però deve inquadrare bene tatticamente i nuovi arrivati, apparsi comunque in ritardo di condizione, eccezion fatta per De Stefano. Quest’ultimo, gol a parte, sulla sinistra spesso è stata una spina nel fianco della difesa maddalonese.

In mediana, Cerase deve trovare condizione e geometrie, mentre Antignano nel ruolo di esterno basso di destra ha lasciato a desiderare. Da quella zona del campo il Barano ha sofferto troppo. In questo momento qualche calciatore è costretto a giocare in un ruolo poco congeniale a causa delle assenze (e sabato mancavano contemporaneamente Rosi e Matarese) ma bisogna stringere i denti in vista di tempi migliori. Nel complesso, nelle gambe si sono fatte sentire le due precedenti partite in pochi giorni. Domenica (o sabato, non è dato sapersi) si va a Torre Annunziata contro il “fu” Giugliano che è ancora un cantiere aperto, con tanti giovani. Potrebbe essere subito un’occasione per riscattarsi. “Sono convinto che il Barano si riscatterà perché il risultato maturato in questa prima di campionato è ingeneroso nei confronti dei padroni di casa che secondo me sono un buon complesso che può soltanto migliorare, avendo fatto vedere alcune cose positive.

“Il Barano per tutto il primo tempo ci ha dato filo da torcere”, afferma l’allenatore della Maddalonese, Valerio, al termine del match del ‘Di Iorio’. “Noi non abbiamo fatto benissimo, il risultato finale ha nascosto delle cose che non mi hanno soddisfatto e che dobbiamo correggere se vogliamo fare un salto in avanti sotto tutti i punti di vista”, sottolinea mister Valerio. “Concediamo ancora qualcosa, una squadra come la nostra non può concedere una palla-gol dopo appena trenta secondi…

E’ vero che non abbiamo velleità di classifica – aggiunge – ma se vogliamo divertirsi e giocare bene non possiamo addormentarci e rischiare di far ritornare in partita gli avversari che sono sotto di tre gol”, sottolinea Valerio.
FAVA – Dopo la tripletta di domenica scorsa in coppa, ecco la doppietta, anche se su rigore, in campionato. “Per essere stata la prima di campionato, la prestazione nel complesso è stata positiva – esordisce Dino Fava, immarcescibile centravanti della Maddalonese –. Non so dove possiamo arrivare, sappiamo che c’è molta da lavorare. Siamo una squadra formata da ragazzi che hanno voglia di fare. Abbiamo delle qualità per poterci divertire, manca qualcosa per completare la rosa”. Sul Barano, l’attaccante che sull’isola va spesso a segno, dice: “Ha molti giovani, deve lavorare molto così come dobbiamo lavorare noi. Ho visto la distinta, c’erano molti 2000 e 2001. E’ comunque una cosa positiva – chiosa Fava – si vede che la società punta con decisione sui ragazzi”.

COSI’ SABATO
BARANO 1
MADDALONESE 6
BARANO: Mennella, Antignano, Petrone, Conte N. (27’ st Ruffo), Conte A., Monti, Cerase, Scritturale, Mattera F. (14’ st Pirone), Abbandonato, De Stefano. (In panchina Castaldi, Di Iorio, Patalano, Mattera C., Buono G., Rubino). All. Di Meglio.
MADDALONESE: Cerreto, Falco, De Fenza, Zacchia, Viscovo (31’ st Percope), Colella (36’ st Ferraro), Guglielmo, Pingue (31’ st Sannazzaro), Della Ventura (26’ st Di Costanzo), Fava Passaro (36’ st Percope), Di Mauro. (In panchina Domigno, Della Valle, Romagnoli, Natale). All. Valerio.
ARBITRO: Riglia di Ercolano (ass. Mallardo e Capano di Napoli).
MARCATORI: nel p.t. 17’ Guglielmo, 46’ Fava Passaro (rig.); nel s.t. 9’ Fava Passaro (rig.), 21’ De Stefano, 25’ Guglielmo, 32’ Di Mauro, 34’ Di Costanzo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

E’ morto mons. Regine, la chiesa di Ischia perde un suo pilastro

A 93 anni, Don Giuseppe Regine, parroco della Chiesa di San Vito è deceduto. Un lutto che colpisce l'intera...