fbpx

Di Scala: «Il ruolo da presidente del Consiglio comunale è una presa in giro!»

Must Read

Ugo De Rosa | La prima seduta dell’appena eletto Consiglio comunale di Barano, mercoledì 29, non è stato tutto rose e fiori. Come al solito si sono registrate contrapposizioni tra maggioranza ed opposizione. E il leader della minoranza, Maria Grazia Di Scala, non lesina gli attacchi a Dionigi Gaudioso. Critiche su vari fronti, seppure dichiara che da parte sua non ci sarà una chiusura a prescindere. Ma con la Di Scala abbiamo parlato anche di altre tematiche.

Virginia Di Costanzo, Pierina Di Orio e Maria Grazia Di Scala. Dieci anni fa dovesti ricorrere al Tar perché non c’erano donne in Giunta. Questa volta invece c’è una presenza femminile che fa ben sperare per l‘isola, perché la politica si è arricchita di quelle che sono le sensibilità, le capacità e le professionalità delle donne…
«Sì, penso che questo faccia felice tutti, sicuramente fu triste dieci anni fa ricorrere al Tar. Purtroppo la quota rosa è stata imposta per legge e questa è una delle più brutte pagine della politica italiana, perché fu necessario imporre la presenza delle donne lì dove gli uomini non pensavano minimamente a portarla in Consiglio comunale e quindi ad arricchire i consessi civici di professionalità, esperienza, sensibilità, preparazione che hanno le donne. Ed è brutto che ci si debba arrivare per le vie giudiziarie.
Adesso siamo qui, però siamo in tante. Virginia e Piera hanno partecipato al loro primo Consiglio comunale e lo dico con l’orgoglio e con l’emozione che loro stesse hanno provato e mi ha fatto molto piacere che siano presenti al mio fianco».

Un Consiglio comunale che ha mostrato una partecipazione e una chiusura. Una partecipazione intelligente quella del sindaco Gaudioso che ha aperto e accolto la vostra proposta di istituire una commissione sulla sicurezza stradale che dovrà seguire il suo iter e una chiusura invece sulla nomina del presidente del Consiglio comunale.
«E non solo su quello c’è stata chiusura. Sono lieta dell’apertura che ha manifestato il sindaco, d’altronde non avrebbe potuto fare diversamente anche dopo quello che è accaduto alla povera Cassandra Mele, ma non soltanto per lei, perché sono tanti morti sulle nostre strade. Era un atto doveroso che, forse, si sarebbe dovuto fare già prima. L’istituzione di una commissione per la sicurezza stradale che possa effettuare segnalazioni in un territorio, anche come quello di Barano, che è assolutamente carente sotto questo aspetto perché non ci sono agenti di Polizia municipale, non c’è vigilanza sul territorio, c’è sosta selvaggia, c’è una segnaletica non idonea, ci sono degli incroci non segnalati e i turisti vanno avanti e indietro spaesati. Una Commissione può evidenziare le carenze del territorio, segnalarle alle autorità competenti e sicuramente arrivare a qualche provvedimento in più rispetto al privato cittadino che si voglia accingere a questo».

RIFIUTI, SISTEMA FALLIMENTARE

Quale sarà la posizione della minoranza? Sarà un’opposizione dura e pura?
«L’opposizione non deve essere mai dura e pura. L’atteggiamento di chiusura sarebbe stupido del tutto da parte nostra, però ti dico anche perché noi siamo al cospetto di un Consiglio comunale che di fatto è la prosecuzione di quello di 5 anni fa e che di fatto, di fatto non di nome, è la prosecuzione di quello di 10, 15, 20, 25 e 30 anni fa ed oltre. Se fossi una consigliera comunale neoeletta che ha ascoltato queste belle linee programmatiche del sindaco, direi “ma che bello è tutto un paese dei balocchi e sta per arrivare chissà quale manna dal cielo su quest’isola”. Purtroppo, queste linee programmatiche le ho sentite esporre molte volte negli anni. Da Gaudioso 5 anni fa, ancora da Paolino Buono e così via. Sicuramente terremo gli occhi aperti, sicuramente saremo molto presenti. Però non possiamo non rilevare alcune pecche.
E mi collego anche alla domanda precedente. Innanzitutto l’assoluta chiusura su alcuni argomenti. La nomina del presidente del Consiglio io la trovo “sca-nda-lo-sa” e lo dico a chiare lettere e sillabe. E’ stato il contentino nel 2018 e hanno messo mano a modificare lo statuto comunale con una complicazione sul BURC il 30 giugno, nel 2017, all’indomani delle elezioni amministrative di 5 anni fa per istituire una figura completamente inutile che si limita a firmare le convocazioni del Consiglio comunale che vengono predisposte da altri e a dire a me o al sindaco, a Virginia o Piera e ad altri consiglieri, di prendere la parola. Abbiate pazienza, un po’ di serietà. Figure istituzionali siffatte servono in comuni numerosi dove ci sono tanti gruppi, dove serve mettere d’accordo, dove ci sono equilibri da ricercare. Qui siamo due gruppi consiliari, quattro consiglieri di minoranza e loro seduti di fronte, che alzano la mano a comando. Abbiate pazienza, è una figura inutile. E’ retribuita e quindi sicuramente è servita a qualcosa. Se allora è servita a qualcosa, anche in questa consiliatura servirà a qualcosa…

Tra l’altro, la chiusura c’è stata anche quando abbiamo tentato di introdurre l’argomento durante l’approvazione del piano economico finanziario per i rifiuti solidi urbani e la determinazione delle scadenze per il pagamento della Tari, circa il sistema di conferimento. Avremmo voluto sapere dal sindaco se è previsto un ripensamento di questo fallimentare sistema. I rifiuti solidi urbani sono abbandonati nelle strade. Devo dire che è vero che i cittadini sono incivili, ma è anche vero non ci si adegua alle esigenze dei cittadini, sia nella stagione invernale che estiva, sia in orario diurno che notturno. Bisogna prendere atto di un fallimento. Avremmo voluto sapere se c’è questa volontà da parte dell’Amministrazione e ci viene detto che non è all’ordine del giorno e quindi c’è chiusura sull’argomento. Non si parla di questo e mi dispiace, così come prendo atto di una serie di altre cose che ho appreso. Non è previsto alcun intervento per la rimozione della passeggiata dei Maronti, che è un altro punto dolente di questa Amministrazione. Con i tanti soldi che ottiene grazie anche alle cariche recenti coperte dal nostro sindaco, avrebbe dovuto spendersi in questo senso e chiedere la rimozione di quel disastro sulla spiaggia dei Maronti».

Barano si avvia ad una nuova stagione dei lavori pubblici. Tu sei sempre stata molto critica. Ma ce n’è uno in particolare che ti ha visto protagonista in questi giorni. E’ il ripascimento dei Maronti, i cui lavori sono già iniziati. Che conclusione possiamo trarre?
«Si doveva fare adesso con un’ordinanza contingibile e urgente, quando è una frana che si è verificata un anno e mezzo fa? Perché non si è fatto prima? Perché si è fatta un’ordinanza contingibile e urgente senza avere le necessarie autorizzazioni? Un’ordinanza sbagliata che il sindaco ha dovuto rifare e così si fanno solo brutte figure. Siccome non ce n’è necessità, abbiamo iniziato proprio bene questo Gaudioso bis con questa ordinanza… E quindi è un’altra mazzata per la spiaggia dei Maronti e per gli operatori, perché poi alla fine si traduce in un divieto di balneazione, di praticabilità del lido, della spiaggia nei tratti interessati. Ma davvero questi lavori si devono fare fino alla fine di luglio? C’è la necessità di farlo adesso?».

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

MAXIRISSA DA MOVIDA, ACCOLTELLATO FUORI AL NIGHT

I poliziotti grazie al sistema di videosorveglianza hanno potuto quantificare la partecipazione di 50 soggetti, tra “muschilli”, minorenni sparsi un po’ ovunque e tanti maggiorenni. La vittima è un casertano in vacanza sull’isola, ma dopo le cure dei sanitari è stato dimesso dal “Rizzoli”. Non ha potuto fornire informazioni utili per individuare il responsabile
In evidenza

MAXIRISSA DA MOVIDA, ACCOLTELLATO FUORI AL NIGHT

I poliziotti grazie al sistema di videosorveglianza hanno potuto quantificare la partecipazione di 50 soggetti, tra “muschilli”, minorenni sparsi un po’ ovunque e tanti maggiorenni. La vittima è un casertano in vacanza sull’isola, ma dopo le cure dei sanitari è stato dimesso dal “Rizzoli”. Non ha potuto fornire informazioni utili per individuare il responsabile