fbpx

#DerbyBaranoProcida. Lubrano: “Sarà un derby spettacolo”

L’allenatore del Procida commenta il campionato e si prepara al Barano

Must Read

La vittoria sul San Sebastiano ha scacciato le ombre di una mini crisi in casa Procida. La compagine biancorossa, che non otteneva i tre punti da ben quattro turni, per conservare il piazzamento playoff e per tenere a debita distanza la zona playout, deve ripetersi sul campo del Barano. Non sarà un compito facile, ma il Procida, in tal senso, può far valere un dato statistico rilevante: dopo Santa Maria la Carità, che può contare su una partita in più, in trasferta i procidani vantano il secondo miglior rendimento con 10 punti conquistati lontano dallo Spinetti.

“Dopo una vittoria si lavora meglio – ha affermato mister Lubrano – perché c’è più entusiasmo e voglia di lavorare, quindi ci prepariamo bene a questa partita importante. Il maltempo ha turbato l’inizio della settimana e ci siamo potuti allenare poco, ma già da domani ripartiremo per preparare al meglio una partita che spero sia prima di tutto una festa di sport. Incontreremo nuovamente mister Mennella, mi fa piacere perché è un amico ed è una garanzia. Credo che il Barano si giocherà la partita a viso aperto. Mi aspetto una partita divertente anche per le caratteristiche delle due squadre, le quali cercano di proporre calcio. A livello offensivo sarà una bella partita. Non credo che il Barano si snaturerà, anche se ha qualche punto in meno in classifica di quanto meriterebbe. Ha una rosa importante, l’anno scorso la maggior parte dei ragazzi facevano l’eccellenza, quindi sono sicuramente esperti, vengono da una vittoria importante a Terzigno, sarà una gran bella partita”.

Mister Lubrano ha anche fatto il punto sul campionato in corso, nel quale, esclusa la capolista Santa Maria la Carità, regna l’equilibrio:  “Il campionato è molto equilibrato, distano solo cinque punti tra la zona playoff e la zona playout. Santa Maria la Carità sta facendo un campionato a parte, basta vedere i risultati , sta a +7 sulla seconda. Tra le altre mi ha impressionato Il Punto di Svolta, una squadra organizzata che esprime un buon calcio e con cui siamo riusciti a pareggiare, la Frattese sta risalendo la china perché è una squadra composta da giocatori importanti. È un campionato equilibrato, perché Cercola, lo stesso Viribus Unitis che è un po’ in difficoltà, il Sant’Anastasia e altre squadre si giocheranno l’accesso ai playoff. Ci sarà una bella lotta anche per i playout, il Quartograd attualmente è ultimo in classifica ma ha giocatori importanti e sicuramente farà punti. Il Frattaminore ha ottenuto vittorie importanti, quindi secondo me sarà un torneo equilibrato”.

Il Procida, nonostante il quinto posto in classifica, rimane con i piedi per terra. L’obiettivo principale è la salvezza, ma con la consapevolezza di potersela giocare con tutti anche per un traguardo più prestigioso: “Il nostro cammino fino ad ora è molto soddisfacente. Per quelli che sono gli obiettivi della squadra e per quello che stiamo proponendo. Siamo una squadra giovane che comunque ha 18 punti in classifica e per la salvezza stiamo navigando bene. Come detto prima, tra la zona playoff e quella playout la distanza è di solo 5 punti, noi dobbiamo guardare sempre in basso perché l’esperienza dell’anno scorso ci insegna che non si è mai salvi finché l’arbitro non fischia. Più punti porteremo a casa e meglio è. Dove possiamo arrivare? Dipende da noi. Siamo una squadra che può vincere e perdere contro chiunque. Siamo giovani, stiamo facendo bene, ma dobbiamo essere accompagnati anche da un pizzico di fortuna perché nelle ultime 5 partite abbiamo avuto 8 ragazzi indisponibili, molti negli stessi ruoli. Possiamo fare bene – conclude Lubrano – dipende da quanta voglia metteremo nel superare gli ostacoli che troveremo e da quanta voglia metteremo per vincere le partite”.

La vittoria sul San Sebastiano ha scacciato le ombre di una mini crisi in casa Procida. La compagine biancorossa, che non otteneva i tre punti da ben quattro turni, per conservare il piazzamento playoff e per tenere a debita distanza la zona playout, deve ripetersi sul campo del Barano. Non sarà un compito facile, ma il Procida, in tal senso, può far valere un dato statistico rilevante: dopo Santa Maria la Carità, che può contare su una partita in più, in trasferta i procidani vantano il secondo miglior rendimento con 10 punti conquistati lontano dallo Spinetti.

“Dopo una vittoria si lavora meglio – ha affermato mister Lubrano – perché c’è più entusiasmo e voglia di lavorare, quindi ci prepariamo bene a questa partita importante. Il maltempo ha turbato l’inizio della settimana e ci siamo potuti allenare poco, ma già da domani ripartiremo per preparare al meglio una partita che spero sia prima di tutto una festa di sport. Incontreremo nuovamente mister Mennella, mi fa piacere perché è un amico ed è una garanzia. Credo che il Barano si giocherà la partita a viso aperto. Mi aspetto una partita divertente anche per le caratteristiche delle due squadre, le quali cercano di proporre calcio. A livello offensivo sarà una bella partita. Non credo che il Barano si snaturerà, anche se ha qualche punto in meno in classifica di quanto meriterebbe. Ha una rosa importante, l’anno scorso la maggior parte dei ragazzi facevano l’eccellenza, quindi sono sicuramente esperti, vengono da una vittoria importante a Terzigno, sarà una gran bella partita”.

Mister Lubrano ha anche fatto il punto sul campionato in corso, nel quale, esclusa la capolista Santa Maria la Carità, regna l’equilibrio:  “Il campionato è molto equilibrato, distano solo cinque punti tra la zona playoff e la zona playout. Santa Maria la Carità sta facendo un campionato a parte, basta vedere i risultati , sta a +7 sulla seconda. Tra le altre mi ha impressionato Il Punto di Svolta, una squadra organizzata che esprime un buon calcio e con cui siamo riusciti a pareggiare, la Frattese sta risalendo la china perché è una squadra composta da giocatori importanti. È un campionato equilibrato, perché Cercola, lo stesso Viribus Unitis che è un po’ in difficoltà, il Sant’Anastasia e altre squadre si giocheranno l’accesso ai playoff. Ci sarà una bella lotta anche per i playout, il Quartograd attualmente è ultimo in classifica ma ha giocatori importanti e sicuramente farà punti. Il Frattaminore ha ottenuto vittorie importanti, quindi secondo me sarà un torneo equilibrato”.

Il Procida, nonostante il quinto posto in classifica, rimane con i piedi per terra. L’obiettivo principale è la salvezza, ma con la consapevolezza di potersela giocare con tutti anche per un traguardo più prestigioso: “Il nostro cammino fino ad ora è molto soddisfacente. Per quelli che sono gli obiettivi della squadra e per quello che stiamo proponendo. Siamo una squadra giovane che comunque ha 18 punti in classifica e per la salvezza stiamo navigando bene. Come detto prima, tra la zona playoff e quella playout la distanza è di solo 5 punti, noi dobbiamo guardare sempre in basso perché l’esperienza dell’anno scorso ci insegna che non si è mai salvi finché l’arbitro non fischia. Più punti porteremo a casa e meglio è. Dove possiamo arrivare? Dipende da noi. Siamo una squadra che può vincere e perdere contro chiunque. Siamo giovani, stiamo facendo bene, ma dobbiamo essere accompagnati anche da un pizzico di fortuna perché nelle ultime 5 partite abbiamo avuto 8 ragazzi indisponibili, molti negli stessi ruoli. Possiamo fare bene – conclude Lubrano – dipende da quanta voglia metteremo nel superare gli ostacoli che troveremo e da quanta voglia metteremo per vincere le partite”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»
In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»