fbpx

Depuratore, Stani Verde chiede tutti gli atti! Istanza di accesso indirizzata a Raia

Il consigliere di opposizione vuol sapere se il cambio di location dai Marinai d’Italia a Monticchio sia stato richiesto con una nota ufficiale al Commissario e se esistono elaborati tecnici a sostegno di tale scelta

Must Read

Abbiamo ampiamente riferito di quella che ormai è diventata la telenovela (o meglio la barzelletta) foriana: il depuratore dove lo metto? L’assurda decisione di Del Deo, che in precedenza aveva spinto per l’ubicazione al Piazzale Marinai d’Italia, per poi di recente fare dietrofront e chiederne lo spostamento a Monticchio. Ovvero l’area che un tempo era stata scelta dall’Amministrazione Regine e che lui stesso aveva bocciato… Lasciando di stucco la Regione e la struttura commissariale e causando l’ennesima figuraccia per Forio e l’isola intera. Soprattutto se si considera che già in passato si erano registrate decisioni diverse da parte di altre amministrazioni comunali. Un vero “balletto”, insomma.

Una iniziativa poco edificante che ha ovviamente prodotto la reazione della minoranza e una pioggia di critiche e di polemiche. E così il consigliere di opposizione Stani Verde ha deciso di richiedere copia di tutti gli atti di questo procedimento, per vederci chiaro, ammesso che sia possibile fare chiarezza su certe decisioni illogiche e gli ormai inevitabili pastrocchi foriani…

La richiesta di accesso agli atti è stata indirizzata al dirigente del I Settore Urbanistica arch. Marco Raia.

Stani Verde in premessa richiama proprio l’articolo de Il Dispari che riferiva l’assurda vicenda ed evidenzia: «In data 20 luglio 2022 è apparso sul giornale locale Il Dispari, l’ articolo dal titolo: “Pazziella depurazione a Forio. Del Deo vuole cambiare ancora il luogo”; L’articolo riportava la notizia secondo cui, il sindaco Francesco Del Deo avrebbe chiesto al Commissario Giugni e al vicepresidente della Regione, Bonavitacola, di voler cambiare la location del depuratore: considerato che Si presume che tale richiesta, sia stata avanzata anche per vie ufficiali».

Quindi rivolge l’istanza al Comune «per l’acquisizione della richiesta con cui il Comune di Forio avrebbe richiesto alla struttura commissariale di cambiare la location del depuratore e nello specifico: Nota inviata dal Comune alla struttura commissariale per la richiesta di cambio della locatione del depuratore; Risposta della struttura commissariale; Eventuali progetti o studi di fattibilità funzionali alla richiesta avanzata dal Comune di Forio per giustificare la richiesta del cambio della location del depuratore.

Con espressa avvertenza che la mancata evasione della presente istanza o la trasmissione degli atti oggetto della stessa oltre il termine di legge integrerà una grave violazione del diritto e costituirà oggetto di autonoma domanda giudiziale. Si rappresenta il carattere urgente della presente richiesta».

Cosa farà Raia, messo alle strette? E quali atti potrà nel caso fornire? Giustamente Stani Verde chiede se esistano almeno studi di fattibilità a sostegno di questa improvvisa decisione di cambiare l’ubicazione del depuratore. Dubbi e interrogativi legittimi che qualsiasi persona di buonsenso si pone e che interessano il futuro di Forio e dei suoi cittadini. Sicuramente una storia destinata ad arroventare ancora a lungo la già calda estate foriana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Caduta massi, allarme sulla ex ss 270 a Cavallaro 

Cadono massi sulla ex se 270 tra Forio e Lacco Ameno. Urge l’immediato intervento delle autorità competenti  a tutela...
In evidenza

Caduta massi, allarme sulla ex ss 270 a Cavallaro 

Cadono massi sulla ex se 270 tra Forio e Lacco Ameno. Urge l’immediato intervento delle autorità competenti  a tutela...