domenica, Giugno 20, 2021

Demolizione De Siano appesa a Corte d’Appello e ASL

In attesa di tampone e pronuncia del Tribunale

In primo piano

Molto probabilmente sabato mattina inizieranno le operazioni di demolizione dell’abuso edilizio realizzato da Domenico De Siano a Forio in Via Calosirto, 61.

Oggi pomeriggio, come tutti i giorni, si avrà l’esito del tampone molecolare della signora De Siano insieme al report quotidiano dell’Asl Napoli 2Nord. In caso di negatività, come già tutto sappiamo, la Signora sarà trasferita dal proprio domicilio con l’aiuto dei sanitari. In caso di positività (e la speranza è che non sia così!), invece, dovremo comprendere come si procederà con la presenza di un covid positivo e se le operazioni di demolizione saranno sospese fino alla guarigione della signora.
Questa mattina, però, si riunirà il collegio della seconda sezione della Corte di Appello che dovrà esprimersi nel merito delle istanze e delle eccezioni sollevate dalla difesa del Signor De Siano.

Con un ulteriore intervento, infatti, la difesa degli Avvocati Giuseppe Di Meglio e Maria Grazia Di Scala oltre a ripercorrere gli elementi noti di contrasto all’esecuzione della demolizione hanno anche sollevato al giudice un’eccezione che riguarda la legittimità urbanistica di alcune zone dell’abitazione. Dagli atti, infatti, è emerso che non tutta l’abitazione sia oggetto della sentenza di condanna e, di conseguenza, dell’ordinanza di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi.
Bisogna attendere, ancora, per sapere quale sarà il destino di questa famiglia e di questa storia che, ormai, ha superato i confini locali ed è diventato un vero e proprio caso.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

DESIDERIO MUSTAKI’. Francesco Mattera: «Mi corteggiano come se fossi una diciottenne, ma non ho ancora deciso con chi schierarmi»

La campagna elettorale di Serrara Fontana. Il popolare tifoso della Ferrari contesto dal gruppo di Rosario Caruso e dal quello di Cesare Mattera
- Advertisement -