Del Deo, il “papa” delle isole minori. ANCIM, il sindaco di Forio è presidente nazionale

0

Ugo De Rosa | Francesco Del Deo, all’unanimità, è stato eletto presidente nazionale dell’ANCIM, acronimo di Associazione Nazionale Comuni Isole Minori. Il sindaco di Forio, che ricopriva la carica di vicepresidente della stessa associazione dal luglio 2018, succede a Giovanni De Martino, l’ormai ex sindaco di Capri.
“Rivestire questo incarico nazionale è per me motivo di orgoglio – sottolinea il sindaco Francesco Del Deo a margine dell’elezione – e, con il supporto dei miei colleghi sindaci e componenti del Direttivo ANCIM, sono certo, continueremo a portare avanti le tante battaglie per giungere alla risoluzione dei problemi che accomunano tutte le realtà insulari d’Italia.”

L’Ancim, lo ricordiamo, rappresenta 36 comuni nei quali sono residenti oltre 200.000 persone che, come noto, divengono milioni durante la stagione estiva è per le realtà insulari come la nostra una entità importantissima.

“Esatto. L’Ancim è una delle realtà associative più importanti per territori come i nostri – aggiunge Francesco Del Deo – territori unici e con problematiche nettamente diverse da quelle della terraferma.”

Ci spieghi meglio
“Certo. Lo vediamo ogni giorno e lo viviamo sulla nostra pelle da isolani: in ogni settore viviamo una condizione di disagio dovuta dall’essere “isola”. I nostri disagi sono molteplici. Da utenti, siamo costretti a lunghe traversate per raggiungere strutture (siano esse ospedaliere o di svago) e usufruire di determinati servizi, da professionisti, siamo obbligati modellare l’intera giornata in base ai collegamenti da e per le isole. Senza contare i casi in cui, ad esempio, in un tribunale viene rinviata o cancellata una udienza: un professionista che risiede in terraferma, dopo poco dall’aver appreso la notizia, può tranquillamente rientrare in ufficio o presso il proprio studio e riprendere la propria attività; mentre un professionista isolano deve considerare “persa” quella giornata di lavoro in quanto non riuscirà a far ritorno a casa o presso il proprio studio prima che siano trascorse diverse ore. Questi sono solo alcuni dei disagi che si vivono quotidianamente. Pensiamo, ad esempio, al mondo della scuola, con l’atavica problematica del personale ATA e personale docente che spesso viene assegnato in ritardo in quanto le isole non sono meta molto ambita tra i professionisti, e ciò comporta disagi nello sviluppo del piano formativo di ogni istituto presente sulle isole minori; ai ragazzi che sono costretti a spostarsi per compiere gli studi, non solo universitari, con non pochi sacrifici o affrontano il percorso di studi da “pendolari”, il tutto con un aggravio di spese rispetto a chi si sposta sulla terraferma non indifferente.
O ancora il problema delle sedi distaccate, dei presidi ospedalieri che vengono dimezzati o, addirittura, chiusi. Non si può ridurre ogni discorso solo ed esclusivamente ad un problema di “numeri”, non si possono risolvere i problemi solo con ridimesionamenti. Le isole minori, anzi i cittadini delle isole minori devono poter avere le stesse opportunità degli altri cittadini italiani, devono poter accedere agli stessi servizi e non subire un aggravio di spesa troppo elevato.”

Ha le idee chiare Francesco Del Deo che, come ben sappiamo, è al suo secondo mandato come sindaco del comune di Forio ed è impegnato, da sempre, in politica a livello locale e regionale.
“Insieme ai componenti del direttivo e ai soci tutti – continua Del Deo – porteremo avanti le tante battaglie per il riconoscimento dei diritti essenziali delle isole minori, quei diritti che preservano i pilastri fondamentali di ogni società civile, dalla salute, alla scuola, passando per la giustizia e i trasporti. Come ANCIM promuoveremo, nel segno della continuità con chi mi ha preceduto alla presidenza di questa importantissima associazione, azioni mirate all’ottenimento di miglioramenti della qualità della vita di chi risiede sulle isole minori e di chi le sceglie come meta delle proprie vacanze, porteremo sui tavoli che contano le istanze che provengono dalla nostre comunità insulari per dare respiro a realtà eterogenee e uniche nel loro genere che, proprio per questo, vanno preservate e valorizzate.”

LE REAZIONI

L’elezione del sindaco di Forio, Francesco Del Deo, alla carica di presidente dell’ANCIM è, per l’intera isola, motivo di orgoglio e costituisce una grande opportunità da cogliere al volo.
Ma non è la sola figura “ischitana” a ricoprire un ruolo all’interno dell’associazione che si conferma essere a trazione campana, con la conferma nel direttivo del Sindaco di Lacco Ameno, Giacomo Pascale e l’ingresso nel comitato scientifico dell’Ing. Angelo D’Abundo.

La notizia dell’elezione di Francesco Del Deo a presidente nazionale ANCIM è stata accolta, poi, con piacere sulla nostra isola.
“Esprimo i miei più sinceri auguri al sindaco di Forio, Francesco Del Deo, per aver ricevuto la nomina di Presidente nazionale dell’ANCIM. Del Deo è la figura più prestigiosa presente attualmente nel panorama politico isolano. Davvero complimenti” scrive Nicola Manna.

“Accolgo dichiara il sindaco di Casamicciola Terme, Giovan Battista Castagna – con viva soddisfazione l’elezione a presidente dell’Ancim dell’amico e collega sindaco di Forio Francesco Del Deo. La sua capacità amministrativa e la sua innegabile esperienza, sono certo, gli consentiranno di svolgere al meglio il ruolo di portavoce delle istanze delle comunità delle isole minori e in primis della nostra isola d’Ischia. Da parte mia e dell’amministrazione che mi onoro di presiedere, le più vive congratulazioni e gli auguri di buon lavoro. Ad maiora!”

E arrivano anche da Gaetano Colella gli auguri più sinceri per questa nuova carica: “A Francesco Del Deo esprimo le mie felicitazioni e i complimenti vivissimi e sinceri,per il Suo prestigioso nuovo incarico di presidente ANCIM”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui