De Luca blocca le comitive e limita gli accessi alle isole. La decisione “salva isole”

5

Ecco il cuore dell’ordinanza emessa dal governatore De Luca che limita l’accesso alle isole in tema di coronavisura.

che il contesto descritto, soprattutto in riferimento alla necessità di realizzare una compiuta azione di prevenzione in considerazione della peculiare situazione logistica collegata ai collegamenti via mare con la terraferma,  impone  l’assunzione  immediata, con  riferimento  alle isole del Golfo di Napoli, di ogni urgente misura volta a prevenire il rischio di contagio e di diffusione del virus, integrando le condizioni di eccezionalità ed urgente necessità di adozione di misure precauzionali a tutela della sanità pubblica, ai sensi dell’art. 3 comma 2 del decreto legge 23 febbraio 2020, n. 6, e dell’ art.32, comma 3 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, dell’art.117 del Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 e dell’art.SO TUEL;

che occorre, in particolare, disporre, al fine del contenimento e della prevenzione del rischio di contagio:

a) la limitazione all’accesso alle isole del Golfo di Napoli di gruppi organizzati di visitatori provenienti dalle Regioni e Province di cui agli allegati 2 e 3 al DPCM 1 marzo 2020, attraverso il divieto di imbarco sulle linee di collegamento con dette isole a comitive dei predetti gruppi organizzati composte da più di sei persone;

b) l’obbligo di adozione di misure di controllo individuale e di rilevazione della temperatura corporea di tutti i passeggeri in imbarco verso le isole;

c) la costituzione, al fine dell’espletamento delle attività di cui alla precedente lettera b) da parte di personale sanitario, di n. 4 postazioni di verifica, attraverso l’utilizzo di strutture già esistenti ovvero di postazioni mobili  da installarsi all’uopo,  rispettivamente presso  i punti di imbarco del porto di Sorrento, dei moli di Porta di Massa e Beverello nel  Comune  di Napoli), e nel  porto di Pozzuoli ;

d) l’obbligo, in capo agli esercenti i servizi di collegamento, di  effettuare  sanificazioni straordinarie degli abitacoli e di adottare ogni misura idonea a garantire l’osservanza delle

ORDINA

a)  la limitazione all’accesso alle isole del Golfo di Napoli di gruppi organizzati di visitatori provenienti dalle Regioni e Province di cui agli allegati 2 e 3 al DPCM 1 marzo 2020, attraverso il divieto di imbarco sulle linee di collegamento con le isole a comitive di tali gruppi organizzati composte da più di sei persone;

d)  l’obbligo di adozione di misure di controllo individuale e di rilevazione della temperatura corporea di tutti i passeggeri in imbarco verso le isole;

c) la costituzione, al fine dell’espletamento delle attività di cui alla precedente  lettera  b)  da parte di  personale sanitario,  di n.4 postazioni  di verifica, attraverso  l’utilizzo  di strutture già esistenti ovvero di postazioni mobili da installarsi all’ uopo, rispettivamente presso  i punti di imbarco del porto di Sorrento, dei moli di Porta di Massa e Beverello  nel Comune  di Napoli), e nel porto di Pozzuoli ;

d) l’obbligo , in capo agli esercenti i servizi di collegamento, di effettuare sanificazioni straordinarie degli abitacoli e di adottare ogni misura idonea a garantire l’osservanza delle distanze minime tra i passeggeri in attesa agli imbarchi e a bordo, anche attraverso la limitazione del numero dei passeggeri da imbarcare, ove necessario, oltre alle ulteriori  misure di prevenzione previste dai provvedimenti delle autorità statali;

DA’MANDATO

alla Unità di Crisi Regionale di procedere ad ogni azione finalizzata all’attivazione dei quattro presidi di cui alla lettera c), anche in raccordo con la Croce Rossa regionale.

alle Autorità marittime e alle Polizie locali dei Comuni interessati di vigilare, per quanto di rispettiva competenza ai fini della osservanza delle presenti disposizioni e  della  segnalazione ed inibizione di ogni condotta violativa o elusiva.

5 Commenti

  1. Cazzo sto de Luca è un tipo che interviene subito ha una prontezza assurda. Bravo un plauso per la tempestività genio

  2. Non si capisce perchè solo le isole del golfo…devi bloccare anche l’accesso ai musei di napoli, agli scavi di Pompei ed Ercolano etc. etc.,…non vale due pesi e due misure…più gli anni sopraggiungono e più ti rimbabisci Egr. Sig. Presidente…poi 50 anni di merda in mare intorno all’Isola puntuale ogni anno per le intere stagione
    turistiche solo adesso sindaci e amministratori si svegliano per una fialetta puzzolente…la merda a mare per 50 anni ha ucciso più del coronavirus…il dado ormai è ormai tratto…

  3. “CORONAVISURA” cos’è?? Bisogna fare una visura su una “corona”???? Siete senza speranza!!!! E comunque questa vostra superficialità, (ottimisticamente la voglio intendere così!!) è una mancanza di rispetto nei confronti di noi lettori!!!

    • Carissima signora Lucia, non la conosco, ma da cittadino isolano e con spirito di umiltà mi viene spontaneo invitare Lei e noi tutti ischitani, a restare tutti uniti e ad eliminare inutili campanilismi e polemiche futili che a nulla giovano in questo periodo di estrema difficoltà sia sanitaria che economica.

  4. Voglio vedere queste “santificazioni straordinarie degli abitacoli” quando ci sono mezzi che vengano solo lavati col fabuloso per nascondere le puzze! E vedremo se caricheranno meno persone. Gli armatori vogliono fare soldi mica aiutare la gente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui