Daniele Cigliano: vi presento La chiamo casa il mio nuovo singolo

0

Anna Lamonaca | Il talentuoso Daniele Cigliano continua a far parlare di sé, a credere nei suoi progetti e sogni, ad impegnarsi con tutto sé stesso, ad incantare con la sua meravigliosa voce dal timbro chiaro. E’ tornato per regalare al suo pubblico il suo nuovo singolo intitolato “La chiamo casa”.  In occasione della presentazione di questo suo nuovo progetto lo abbiamo intervistato per voi:

Daniele come mai hai scelto di presentare questo nuovo inedito? Ciao Anna, diciamo che c’è stato un leggero cambio di programma da quando ci siamo sentiti l’ultima volta, purtroppo a causa degli avvenimenti che stiamo vivendo, i miei progetti ed il mio percorso artistico, ha visto fare un leggero cambio di rotta. Si era parlato inizialmente di far uscire un EP presentandolo live quest’estate, ma ciò non è stato possibile. In seguito, per non rimanere fermi e per far conoscere in parte, ciò che abbiamo realizzato, si è pensato di far uscire un singolo ogni mese per poi poter presentare tutto dal vivo. Questo mio nuovo singolo darà a sua volta luce a tantissime novità, tutte da scoprire. C’è tanto entusiasmo da parte mia e dei miei collaboratori e comunque vada, in ogni caso, sarà un successo, una soddisfazione per me, ma anche per tutte le persone che credono nella mia musica.

Ti va di raccontarci la tua esperienza, come è nato il pezzo?

Il pezzo “La chiamo casa” è uno specchio sulle coscienze dei giovani del nostro tempo. uest Questa tematica abbastanza forte e tra l’altro abbastanza comune al giorno d’oggi, specialmente nei giovani, nasce da una mia riflessione. Spesso mi è capitato di pensare ad un eventuale allontanamento dalla mia isola per mancanza di spazi, di risorse, di aspettative, ma puntualmente non faccio altro che emozionarmi al sol pensiero di lasciarla.  Sono legato tantissimo alla mia terra nativa e se bene un giorno dovessi lasciarla, sarà soltanto ed esclusivamente per i motivi che ti ho elencato. Il brano scritto e arrangiato da Damiano Innocenti Chiti e Ginevra Carucci, due persone che hanno, insieme ad Eduardo Cocciardo (autore dei precedenti singoli “Davvero” e “Un istante”), segnano con la loro passione e professionalità, parte del mio percorso artistico. La stessa autrice “Ginevra”: La nostra vita è un uragano di domande fastidiose, ospiti indesiderati che in realtà non dovrebbero occupare nemmeno un centimetro dei nostri pensieri.. Eppure vivono, esistono nella mente e fanno male, spaventano.  Un giovane non dovrebbe  MAI farsi certe domande:Quanto lontano da Casa devo dirigermi per realizzare i miei sogni? La Chiamo Casa… È uno specchio sulle coscienze dei giovani del nostro tempo./Ti va di cogliere il suo riflesso?

Quali aspettative hai?

Sicuramente ci sono tantissime aspettative davanti a un lavoro del genere così impegnativo , soprattutto se sei un ragazzo alle prime armi che decide d’investire tutto sulla passione di una vita, auto-producendosi,  ma sinceramente l’aspettativa più grande, rimanendo con i piedi per terra, è quella di poter lasciare un segno, un’emozione a chiunque mi ascolta. Per me sarebbe un grande successo personale.

Quando è stato presentato l’inedito?

L’inedito è stato pubblicato venerdì 25 settembre 2020 su tutti i digital store e a breve uscirà il videoclip ufficiale che racchiuderà tutte le emozioni di questa canzone.

Dove è possibile scaricarlo ed ascoltarlo?

E’ stato pubblicato su tutte le principali piattaforme online quali: amazon, google play, itunes, apple store, spotify, shazam e youtube music,…

Secondo te, la musica può essere un mezzo efficace per trasmettere valori e sentimenti?

Io credo che la musica sia l’unico valore che può trasmettere sentimenti di qualunque genere esso siano, perché quasi sempre, attraverso una canzone, riesci a provare delle emozioni che soltanto essa può trasmettere.

Quante cose sono cambiate dal lancio del tuo primo inedito?

Beh, sono cambiate tantissime cose, ma la cosa che è cambiata di più, soprattutto in positivo, sicuramente è la stima personale che nutro verso di me. Sono riuscito, scavando a fondo, a provare delle nuove emozioni, sono andato alla scoperta di me stesso ed è stato fantastico. Il successo del primo inedito, sicuramente non mi è stato dato dalle classifiche generali delle piattaforme online, anche se come primo colpo, sono andate più che bene, ma la cosa più bella per me, è stata la stima, di tante persone che mi hanno seguito e continuano a seguirmi, per me è stato qualcosa di incredibilmente fantastico.

Questo è il tuo terzo singolo. Ti sei già fatto un’idea del tipo di pubblico che ti segue?

Il pubblico è misto, ci sono molti giovani come tante persone di media/alta età che mi sostengono.

L’uscita del brano sancisce anche la riconferma di Sartoria Musicale?

Sicuramente c’è una grossa intesa con la Sartoria Musicale, ma più che intesa, io la chiamerei stima reciproca professionale. Ci sono delle persone veramente competenti dietro questo progetto e quando si lavora così bene, penso che le riconferme arrivino da sole. Da entrambe le parti c’è tanta voglia di lavorare e fare bene. Damiano poi, è un grandissimo lavoratore, ma soprattutto una persona SERIA e PROFESSIONALE, oltre ad essere, dopo ben due anni, diventato un amico ed una persona abbastanza di fiducia.

Quali sono i prossimi progetti che hai in serbo?

Come progetto vero e proprio, al quale mi concentrerò e darò il massimo di me stesso, sarà senza ombra di dubbio l’EP, dove all’interno ci saranno dei brani vissuti e scritti da me stesso. Uno dei brani dell’EP verrà inoltre presentato a svariati concorsi e radio del nostro territorio locale e non, senza nascondere il fatto che l’EP potrebbe essere affiancato da tantissime altre sorprese, che mi piacerebbe svelarvi di volta in volta.

La cosa certa è che l’anno prossimo, salvo imprevisti vari, uno dei miei sogni “nel cassetto” verrà sicuramente realizzato (riferendosi all’EP) e la cosa più intrigante sarà quella di presentare l’intero album dal vivo e cercare in qualche modo di trasmettere a quelli che saranno gli ascoltatori una fortissima emozione che ho dentro di me già da un bel po’di tempo.

Anna se posso come ultima cosa, mi piacerebbe ringraziare in primis il Direttore Gaetano Di Meglio e te per l’intervista che mi hai riservato come sempre nell’immediatezza e mandare un grosso saluto a tutte le persone che mi vogliono bene e che credono in me, dedicando l’intero progetto a coloro che più mi sostengono: alla mia famiglia, ai miei amici e alla mia ragazza Imma!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui