Cultura opinabile | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 26 febbraio 2020

0

L’Italia del dopoguerra diede vita ad una divisione quasi naturale del “sociale” tra la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista. In qualche modo, la prima usufruì dell’abbrivio impagabile ottenuto dalla Chiesa, radicandosi tra i numerosissimi fedeli e facendo breccia nel mondo dell’impresa; il secondo, invece, seguendo la famosa logica di “una sezione per ogni campanile”, riuscì a coinvolgere un’ampia fetta di militanti d’ogni ceto ed età, creando distinguo tra una sorta di intelligencija e la cosiddetta gente comune. Alla prima –per così dire- categoria poteva appartenere, seguendo il modello sovietico, chiunque svolgesse un’attività di prestigio sotto il profilo artistico, scientifico o governativo, al punto da essere considerato di classe culturale indiscutibilmente più elevata rispetto alla seconda, che annoverava invece chi, pur istruito o assurto a ruoli di prestigio, non avrebbe potuto comunque vantare tale blasone.

Ancora oggi, qui ad Ischia, sono tanti i sedicenti detentori esclusivi della cultura, per lo più assimilabili a una sorta di sinistra piena di transfughi, pronti ad asserire, tra l’altro, che gli studi classici siano gli unici a garantire un bagaglio di conoscenza degno d’esser definito tale. Ricordo uno sgradevole intervento in consiglio comunale di un noto avvocato, al quale dovetti spiegare, zittendolo, che non esistono scuole di serie A e B.

Mi chiedo, per fare un esempio, cosa sarebbe accaduto se il Circolo Sadoul, nato come Cineclub, che proprio di recente ha notificato la “cooptazione” (sic!) di sei nuovi soci, avesse mai dovuto valutare di “cooptare” uno come Biagio Di Meglio, persona umile e provata da molte traversie personali, ma sicuramente padrone di un raro bagaglio culturale cinefilo del novecento; o, come lui, chiunque altro non rispondente a certi canoni del “sistema”.

La cultura -quella sì- di aggregare e “stare insieme”, dalle nostre parti, è un valore ormai in estinzione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui