fbpx

Cristiano Mare Ielasi, 20 anni fa. In fondo al mare

Must Read

Il ricordo di Sandra Malatesta | E oggi, 23 giugno 2022, sono vent’anni che è morto Cristiano Ielasi. Lui era per me quasi un figlio e ne ero onorata perché Cristiano era selettivo e non sceglieva tutti come amici. Imparai a capirlo e gli fui vicina in un momento brutto per lui che senza dire niente, viveva un dolore silenzioso e si stava chiudendo sempre più. Così Roberto, suo padre, mi chiese se potessi aiutarlo durante i mesi estivi a riparare scienze in cui era stato rimandato. Abitavo ai Pilastri. Lui era bello, affascinante, con quei capelli ricci e ingestibili e quel modo di guardarmi attento.

Aveva 17 anni quando ogni pomeriggio venne da me. Dopo aver studiato restavano a parlare e piano piano ci capimmo e ci piacemmo. Cristiano aveva il meglio dei genitori. La spontaneità e l’amore di Roberto, e la libertà morale e il modo sicuro di fare quello che gli piaceva, di Sabina.

Io lo caricai di fiducia gli dissi che tutto succede a caso nella vita che nessuno di noi è talmente a posto da non aver mai sbagliato. Finita la lezione, restava un poco con me e spesso facevamo pane e pomodoro. Cristiano non mi diceva mai che mi voleva bene, era introverso e non voleva che gli chiedessi cose a cui non voleva rispondere. Lui mi diceva che suo fratello Vittorio era il suo contrario in tutto e un giorno parlando di lui disse: “Vittorio è un bravo figlio nun è nato capa e c…o com a me, ma ci vado d’accordo perché lui non lo sa che è così bravo”.

Successe che alla Festa della Mamma ero uscita per delle commissioni e tornando a casa aprii la porta e vidi per terra una foto capovolta. Mi abbassai per vederla. Era una foto di Cristiano.

Il suo modo senza parole per dirmi che mi voleva bene. La strinsi a me e quando venne gli dissi solo grazie e niente altro, lui così avrebbe voluto. Poi finita la scuola, ogni tanto passava da me. Ci seguivamo da lontano. Lo vidi qualche giorno prima della tragedia e mi spiegò di quel lavoro importante che stava facendo e ci lasciammo sempre sorridendoci. E invece quel lavoro importante non ha potuto farlo se non in parte.

Cristiano morì a 35 anni nel posto che più amava, il mare. Io mi fermai per giorni pur continuando a vivere normalmente. Un peso sul cuore mi faceva sempre tirare il respiro e lo pensavo e mi mancava tanto. Abbiamo vissuto due mesi interi ogni pomeriggio insieme e ci siamo intesi. Questo ha creato un legame silenzioso che non aveva bisogno di conferme ma che c’era e c’è se io oggi sto scrivendo e devo fermarmi perché ho la sensazione di non vedere bene. Ma non è una sensazione sono le lacrime. Roberto, Sabine e Vittorio vi voglio bene, e vi sono grata per avermi affidato Cristiano in quel periodo della sua vita.

Vi stringo forte e abbraccio la sua bella figlia che non mi conosce ma che ho visto e che somiglia tanto a suo padre persino nel modo di camminare mentre i capelli sono un misto tra quelli della madre e quelli di Cristiano. Che darei perché mi stesse vedendo e per sentirmi dire: “Tu pensi che tutti sono belli e bravi non è vero metti i piedi a terra”.

Non li metto Cristiano i piedi a terra continuo a pensarla così perché in ognuno di noi c’è tanto di bello che spesso non viene scoperto. Ti penso sempre…Sandra

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Ischia, arrestati due spacciatori: 103 dosi di cocaina per il mercato di Forio

Ieri sera gli agenti del Commissariato di Ischia, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato, presso lo...