Crisi per le compagnie di navigazione. La Snav fa richiesta di Assegno Ordinario Fondo SOLIMARE

0

Secondo l’Organizzazione mondiale del Lavoro, le conseguenze sociali della crisi sanitaria saranno fra più gravi che la storia ricordi. Il rischio è di creare 25 milioni di disoccupati in tutto il mondo e, per questo la nostra piccola comunità, di per se già tanto martoriata, le infrastrutture produttive maggiori sono già chiuse a prescindere, sul fronte dei trasporti marittimi non tardano ad arrivare, la società SNAV, da sempre fra le compagnie più autorevoli nello shopping dei mezzi veloci, e con intensi traffici da e per Casamicciola Terme, con una nota indirizzata alla ASSARMATORI, alle OO.SS. FILT-CGIL delle segreterie regionali ed alle RSA tramite le Segreterie sindacali, nel merito del COVID-19 Informa ed annuncia la consultazione EX ART. 19 D.L. N. 18/2020 DEL 17.3.2020 con la “RICHIESTA DI ASSEGNO ORDINARIO FONDO SOLIMARE“.

Ecco quanto si legge:
“Ai sensi della normativa in oggetto, diamo informazione che la scrivente società si trova nella necessità di procedere alla richiesta di assegno ordinario al Fondo Bilaterale di settore – SOLIMARE – e nel rispetto procedurale si comunica:

La Società opera nel settore del cabotaggio e trasporto marittimo di passeggeri, nel golfo di Napoli;

Che applica il Contratto Collettivo Nazionale per il Personale Navigante ed Amministrativo delle Società che svolgono servizi di cabotaggio di Breve, Medio e Lungo Raggio, sia con navi superiori a 50 Tsl sia con Unità Veloci Hsc, Dsc e Aliscafi;

Che ha un organico aziendale composto da:
n. 36 impiegati a tempo pieno, tempo indeterminato, uffici amministrativi; n. 3 impiegati a tempo parziale, tempo indeterminato, uffici amministrativi; n. 6 operai a tempo pieno, tempo indeterminato, squadra manutenzione; n. 114 personale marittimo in turno particolare impiegati sulle unità navali. SNAV S.p.A. a socio unico è una Società soggetta a direzione e coordinamento di Marinvest S.r.l.“ Il motivo per il quale si chiede il ricorso alla provvidenza in oggetto non è riferibile a circostanze imputabili alla società ma conseguenza diretta della situazione sanitaria, conseguente all’infezione da Coronavirus e alle correlate misure governative e regionali assunte per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica, identificata come COVID-19.

Sul punto è sufficiente il richiamo a tutta la normativa emergenziale emessa sin dal 23.2.2020. La misura richiesta riguarda tutti i dipendenti della società nel numero complessivo in servizio alla data del 23 febbraio 2020; La durata prevedibile dell’intervento di cui si far richiesta è stimabile in nove settimane consecutive presumibilmente a far data dal 6 aprile 2020.
Si è a disposizione per l’eventuale esame congiunto, da tenersi in via telematica e/o anche telefonica, a seguito di richiesta da far pervenire nel termine previsto dall’art.19, comma 2, decorrente dalla data di ricezione della presente, laddove in mancanza, la presente procedura sarà esaurita, con possibilità della scrivente società di presentare la richiesta di Assegno Ordinario, con le previste modalità.
Napoli, data della Pec Cordiali saluti.

SNAV S.p.A. a socio unico – Sede Legale: Stazione Marittima – Molo Angioino – 80133 Napoli – Tel. +39 081 4285111 – Fax +39 081 4285209 – info@snav.it – www.snav.it – Capitale Sociale Euro 1.000.000,00 i.v. – Cod. Fisc. / P. IVA 00081630832 – REA483530 – Società soggetta a direzione e coordinamento di Marinvest S.r.l.

La società dell’armatore ginevrino chiede, che siano assunte procedure o politiche ed amministrative che la spingano fuori dal “Mar dei Sargassi”. Ma per uscirne, serve necessariamente una ventata positiva che possa dare la spinta giusta. Che venga dalla scienza o dalla medicina, che passi attraverso incoraggiamenti mutualistici della BCE, poco conta, l’importante che spinga fuori da questa circostanza. Non importa dunque nella direzione di quale quadrante.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui