fbpx

Covid, Lamorgese “Contro variante Omicron terza dose e prudenza”

Must Read
ROMA (ITALPRESS) – “La variante Omicron che è stata isolata proviene da Paesi diversi del meridione dell’Africa. Bisognerà comprendere in tempi brevi se tutto questo comporterà una maggiore contagiosità. Al momento sembra che i vaccini mantengano la propria forza, che fino ad ora ci ha salvato. Per questo è ancora più importante che la terza dose sia effettuata quanto prima e la massima prudenza dei cittadini, con mascherine e distanziamento. Mai come ora dobbiamo essere molto collaborativi”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, ospite di Maria Latella a “Il caffè della domenica”, su Radio24. “Noi faremo tutti i controlli – ha aggiunto – domani avrò un incontro con i prefetti e i vertici delle forze dell’ordine per cercare di predisporre un piano che poi i prefetti potranno attuare sui territori. E’ il momento della responsabilità. Se vogliamo vivere con serenità il Natale dobbiamo fare la nostra parte”. Parlando del Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, la titolare del Vimminale ha sottolineato come è “importante, perchè crea una stagione di rinnovato slancio nei rapporti tra i nostri Paesi. Grazie al trattato bilaterale anche le politiche migratorie e tutti i temi collegati alla sicurezza potranno essere affrontati con un approccio più efficace, con strumenti innovativi, maggiore cooperazione. Ci saranno incontri continui e il 22 dicembre sarò a Parigi per un nuovo incontro con il ministro francese”. E sul femminicidio ha continuato: La violenza di genere è un fenomeno purtroppo radicato nella società che va oltre le differenze geografiche, di nazionalità, di ceto sociale. E spesso le stesse donne rinviano le denunce. E un rinvio a volte è fatale. E’ necessario che scatti immediatamente il rivolgersi alle forze dell’ordine, occorre fiducia nelle istituzioni”. “Bisogna creare – ha aggiunto – un coinvolgimento della scuola, del mondo del lavoro, della comunità. La vicinanza alle donne non può essere relegata solo alle forze di polizia o alle tante associazioni sul territorio, noi dobbiamo fare un ulteriore sforzo per prevenire tutto ciò”.
(ITALPRESS).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Giuseppe è grave, resta al “Rizzoli” perché nessun ospedale napoletano lo accoglie

Il ventinovenne ischitano soffre di un sarcoma e di una patologia che gli provoca trombi a ripetizione che hanno colpito soprattutto le gambe, che sono aumentate di volume in modo preoccupante, e i polmoni. I genitori hanno smosso mari e monti per trasferire il proprio figlio al “Pascale” o altro ospedale napoletano, ma hanno ricevuto solo porte in faccia e silenzi. Gli avvocati che li rappresentano hanno sferrato una serie di diffide e messe in mora al direttore generale del “Pascale” e informando il presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca e il direttore generale nonché coordinatore sanitario Postiglione