martedì, Aprile 13, 2021

Covid e Vaccini. Il settore trasporti alza la voce: “Vaccinateci!”

In primo piano

Ida Trofa|Covid-19 e vaccinazioni. Anche gli esponenti del settore trasporti chiedono attenzione. A farsi portavoce della categoria è Stefano Di Palma della Lombardi Trasporti con le ultime richieste inoltrate al Presidente della Regione Campania ed al presidente della commissione trasporti in Consiglio Regionale della Campania, Luca Cascone.

Ecco quanto rilevato dall’esponete di categoria all’attenzione dei massimi vertici regionali del settore in merito alla richiesta vaccinazione operatori settore trasporti: “Gentili Onorevoli,il comparto dei trasporti è sicuramente il settore più esposto alla pandemia covid-19, e sicuramente è il settore più a rischio come rilevabile dai dati statistici degli operatori contagiati dal virus. Occorre tenere conto dei contesti in cui operano lavoratori e lavoratrici dei trasporti, del loro ruolo strategico per l’erogazione di una significativa parte dei servizi essenziali del tessuto socio economica della Regione, dell’elevato numero di persone con le quali nello svolgimento delle loro attività vengono a contatto, alfine di garantire la continuità e la sicurezza del sistema.

Ricordiamo che i lavoratori e le lavoratrici dei trasporti, i quali in questi mesi di grande crisi sanitaria e di periodi di chiusura, hanno continuato a fornire la loro opera esponendosi al rischio giornaliero di contagio, per garantire gli approvvigionamenti e la mobilità delle persone, delle merci, generi di prima necessità, strumentazioni sanitarie e farmaci. Riponiamo grandi speranze nella campagna vaccinale, che dovrebbe dare la possibilità di tornare lentamente alla normalità. Per i motivi sopra esposti, Vi chiedo di valutare, per quanto di Vostra specifica competenza, la possibilità che tutti gli operatori del settore dei trasporti possano essere sottoposti quanto prima a vaccino mettendo così in sicurezza un comparto strategico e di assoluta importanze per la nostra Regione.

Confidando in un pronto e positivo riscontro, resto a disposizione per fornire ogni ulteriore elemento ed informazione per favorire il buon esito della nostra istanza”.

Una richiesta anche comprensibile e logica dopo che in questi mesi, nell’ambito delle solite corsie preferenziali, stiamo assistendo al solito pressappochismo. Infatti la Regione Campania nell’ambito del piano vaccinale ha previsto, ad esempio, di vaccinare gli operatori scolastici e non anche gli autisti dei mezzi pubblici e degli Scuola bus. Dunque settore trasporti.

Categorie per le quali è provato ci sia la maggiore esposizione. E’ stato chiarito in più sedi guarda caso che il contagio studenti e popolazione scolastica spesso accade nella fase di transizione casa-scuola e dunque deriva dall’utilizzo del sistema dei trasporti. Ma è solo un esempio che dà la cifra al sospetto che ognuno pensa a mettere al sicuro i “suoi” ma non leggo una preoccupazione di sistema.

- Advertisement -

2 Commenti

  1. Per la serie Esopo news

    Dopo i termalisti, dopo i magistrati, dopo questi “trasportatori” verranno anche le richieste legittimamente (?) avanzate dai portatori di scarpe n.40 (uomini) e n.36 (donne)?
    Essere vaccinati perché la categoria è a rischio di estinzione.
    I settantenni possono aspettare morendo tanto ne sono molti.

  2. ha ragione Bruno Mancini: ieri l’esaltante e propagandistica richiesta di Federterme e dell’ass.ne dei termalisti isolani; oggi quella dei trasportatori, e domani …. Ha ragione anche la giornalista Ida Trofa laddove evidenzia una ” carenza di sistema “. Non c’è da complimentarsi con nessuno, ma prendere atto che l’iniziativa dei singoli settori se non armonizzati con le esigenze primarie dei singoli è del tutto inutile e propagandistico; che il numero di vaccini è allo stato insufficiente e che l’Asl e la Regione non possono agire su spinte amicali e/o categoriali e che il settarismo di qualche categoria non può ledere il diritto alla vita di chi ne ha effettivamente bisogno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Carmine continua pericolosamente lo sciopero della fame. I cresimandi si assembrano in cattedrale e non perdono il vizio

Gianni Vuoso | Quanti interventi, quante parole, quante decisioni assurde e discutibili. Viene voglia solo di restare in silenzio...
- Advertisement -