martedì, Aprile 13, 2021

Covid al Marconi, ed è subito confusione!

In primo piano

Mentre la Regione Campania si dimentica si annotare i casi positivi legati al mondo della scuola delle isole e mentre, poi, qualcuno ci abbocca e sventola bandiere bucate dalla realtà, al Marconi, scoppia la confusione legata ad un caso del contagio da Covid.

Superato il pericolo del contagio e in attesa dell’avvio della campagna di tamponi ai ragazzi, quello che preoccupa è la confusione a cui sono esposti i genitori e su come venga calpestata quella grammatica istituzionale che, invece, dovrebbe essere rispettata.

Con una sorta di “commissariamento” del Consiglio di Istituto, la scuola e la sua dirigente sembrano aver intrapreso un percorso poco condivisibile.

Ma proviamo a fare un passo verso questa confusione e leggiamo la serie di messaggi inoltrati dalla presidente del comitato dei genitori, Carmen Cuomo, da parte della dirigente scolastica.

«A seguito di un caso di positività Covid nella nostra scuola il Dirigente scolastico ha riferito al Presidente di Circolo Agata Banfi e il presidente del comitato dei genitori Carmen Cuomo (perché anche alla Cuomo? Non basta la rappresentante dei genitori eletta secondo le regole? Perché commissariare il consiglio di istituto?) l’immediata procedura attivata al fine di informare tutti i genitori del Circolo. Saputo della positività di un alunno si è data comunicazione all’ASL Na2 Nord e predisposta la quarantena fiduciaria della classe fino al 24 febbraio. Si precisa che l’alunno di cui sopra era assente da scuola già da 48 ore.»

La scuola informa l’ASL? Da quanto in quanto la scuola può diagnosticare il virus e può decidere di ordinare la quarantena? Non ci sembra che la dirigente scolastica abbia titoli per limitare la mobilità delle persone.

Ma proseguiamo.

«Per gli insegnanti che attuano un protocollo di sicurezza di distanziamento dagli alunni di 2,5 m, firmata la dichiarazione di rispetto di tale misura, così come previsto dall’ASL non effettueranno la quarantena fiduciaria ed effettueranno la DAD, per la classe in questione direttamente da scuola. La Dirigente ci teneva a tranquillizzare tutti che la situazione è sottocontrollo monitorata da tutti gli organi competenti.»

Da genitore, beh, avrei qualche problema a restare calmo davanti a tutto questa confusione. La scuola che informa attraverso il comitato dei genitori e non il consiglio di Istituto è una scuola che perde i suoi organi e che, purtroppo, si espone al caos e alle polemica.

«La classe è stata immediatamente sanificata a cura di una Ditta specializzata e a carico della scuola. Invita, in questa fase estremamente delicata, tutta la comunità scolastica alla massima calma, prudenza e buon senso».

Dopo il caos dei mesi scorsi, purtroppo, ci troviamo ancora qui a raccontarvi le anomalie che, da troppi anni, caratterizzato l’istituzione Ischia 1. Contagi, polemiche su maestri violenti e altre incomprensioni vengono da lontano e vanno nella direzione sbagliata.

Ma la domanda che meriterebbe risposta, quanto prima, va oltre il caso covid.

Non sappiamo se l’ASL abbia comunicato o meno la positività dello studente o se la quarantena preventiva sia stata disposta dalla dirigente, ma se anche così fosse, beh, ci sarebbe da fare un applauso per il coraggio, ma perché non comunicare con il presidente del consiglio di circolo? Perché commissariare una figura istituzionale a favore, invece, di una figura opzionale e senza un vero e proprio ruolo? Perché, così, si superano le intelligenze e le scelte dei genitori e si può procedere secondo il proprio disegno senza la necessità di confronto e rapporto?

Semplici domande e auguri al piccolo studente di pronta guarigione!

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Carmine continua pericolosamente lo sciopero della fame. I cresimandi si assembrano in cattedrale e non perdono il vizio

Gianni Vuoso | Quanti interventi, quante parole, quante decisioni assurde e discutibili. Viene voglia solo di restare in silenzio...
- Advertisement -