fbpx

Convivere con i tumori? Fino a quando? |#4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 8 ottobre 2021

Must Read

La notizia della vaccinazione di massa dei bambini africani e di altre zone a rischio contro la malaria costituisce un risultato di cui la scienza potrà andare fiera e che segna un momento epocale rispetto alle esigenze di civiltà ed uguaglianza del cosiddetto “terzo mondo”, che il progresso raggiunto già da tempo non poteva più permettersi di considerare tale.

Quando la ricerca viene messa in condizioni di lavorare serenamente e, soprattutto, velocemente, alcuni problemi anche rilevanti che riguardano la salute pubblica vengono affrontati e risolti in modo brillante ed efficace. Anche nel caso del Covid_19, che piaccia o no il business creatosi intorno alla pandemia, è bastato poco per venirne fuori grazie alla rapida produzione dei vaccini, la cui adozione lento pede ci sta consentendo di uscirne. Ci darà pur fastidio l’obbligo che i governi si guardano bene dall’adottare mascherandolo con green pass e affini, ma la strada è indubbiamente quella.

Anche per l’AIDS sono stati compiuti passi da gigante: solo vent’anni fa un sieropositivo impiegava ben poco per passare in stato conclamato e rischiare inevitabilmente di morire per il gravissimo abbassamento delle difese immunitarie. Oggi, almeno dalle nostre parti, i pochi che ancora contraggono questo virus sono in grado di curarsi in strutture pubbliche ed uscirne senza particolari problemi.

Da brividi, invece, è la quantità di persone d’ogni età che continuano a morire a causa dei tumori. Per quel che ci riguarda, non serve allontanarsi sulle medie nazionali: fermiamoci qui ad Ischia e proviamo a contare, tra i defunti di un solo mese, quanti di loro ci hanno lasciato per quel “brutto male” che prima del duemila era definito “del secolo” ma che, a quanto pare, conserverà il primato anche in quello corrente.

Per i tumori, una ricerca costante e ben finanziata ancora non riesce a trovare soluzioni rilevanti! Ma una società moderna potrà mai rassegnarsi a essere decimata da questo maledetto “mammone”?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Tragedia. Uomo colto da malore, muore sulla strada di casa

Venerdì di dolore e di sgomento. La quiete della comunità isolana e della comunità di Casamicciola Terme, sono state...