fbpx

Continental Mare, i dubbi sulla tragedia

Must Read

La Fiat Seicento a bordo della quale rientravano nelle pertinenze del Continental Mare i due turisti morti oggi pomeriggio a Ischia non ha frenato. Invadendo, nella via che conduce al parcheggio dell’albergo, l’aiuola e portando via la ringhiera. E finendo giù, con un volo di diversi metri. Sulla dinamica il pubblico ministero di turno aprirà un fascicolo: un malore del conducente o un guasto all’impianto frenante? Ischia ancora teatro di una tragedia, a pochi giorni dalla morte in mare di Filippo Vinaccio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Giuseppe è grave, resta al “Rizzoli” perché nessun ospedale napoletano lo accoglie

Il ventinovenne ischitano soffre di un sarcoma e di una patologia che gli provoca trombi a ripetizione che hanno colpito soprattutto le gambe, che sono aumentate di volume in modo preoccupante, e i polmoni. I genitori hanno smosso mari e monti per trasferire il proprio figlio al “Pascale” o altro ospedale napoletano, ma hanno ricevuto solo porte in faccia e silenzi. Gli avvocati che li rappresentano hanno sferrato una serie di diffide e messe in mora al direttore generale del “Pascale” e informando il presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca e il direttore generale nonché coordinatore sanitario Postiglione