fbpx

Condoni a Casamicciola: i magnifici 7, diventano 14

Must Read

Ida Trofa | Forze fresche per le pratiche di condono. Per anni le istituzioni si sono grattate la pancia, ora è corsa ad approntare le procedure ed arruolare forze fresche per le valutazioni e la predisposizione degli atti. Da una parte il municipio si spopola e gli uffici perdono professionalità e dipendenti, dall’altra si riempiono di “tavolari”.
Il sindaco Giovan Battista Castagna parla di accelerazione nelle pratiche di Condono o della necessità di trovare chi lavori per mettere a regime il sistema. Così da sette esperti in istruttorie al condono, Casamicciola Terme passa a 14. Il lascia passare dalla legge regionale 29 dicembre 2020, n. 38, all’art. 31 comma 1 (ha modificato il termine di cui alla legge regionale 18 novembre 2004, n. 10 prorogandolo al “31 dicembre 2021.

Il sindaco Castagna In un mese 300 pratiche.
“Abbiamo ritenuto opportuno, la legge lo consente, di aggiungere agli attuali sette esperti sette professionisti- ha spiegato il primo cittadino Giovan Battista Castagna- Nelle ultime settimane, infatti, ci sono state decine e decine di domande di condono. Solo nel mese di dicembre sono 300. Sono tantissime. Insomma la situazione sta diventando molto, molto grossa ed impegnativa, così come ci si prospettava. Si per la ricostruzione che per le tante pratiche in attesa da tanto tempo. Con la nostra squadra stiamo dando tutti gli elementi per poter portare avanti, materialmente, questa cosa in maniera molto decisa e rapida compatibilmente con. Tempi tecnici necessari alle valutazioni“.
Insomma c’è cauto ottimismo su una piaga, le istanze di condono, che alle nostre latitudini è sempre materiale buono per la politica con qualsiasi accezione la si voglia considerare. Vediamo insieme i nuovi indirizzi dell’esecutivo Castagna nel merito dei nuovi incarichi ai nuovi magnifici 7 del condono.

Il 25 maggio 2020, infatti, sono già stati selezionati 7 tecnici/professionisti cui affidare l’istruttoria delle pratiche di condono edilizio presentate ai sensi delle leggi tre leggi 47/85, 724/94 e 326/03 per un periodo massimo di dodici mesi decorrenti dall’avvio della attività e comunque non oltre il 31 dicembre 2020. Nell’ottobre 2020 è stato tra l’altro, ulteriormente disposto di impartire indirizzo al Responsabile dell’Area Tecnica affinché proceda al conferimento di ulteriori incarichi a professionisti esterni, nel limite massimo di 7 tecnici,da affiancare al personale comunale per accelerare l’attività istruttoria delle pratiche di condono presentate e giacenti presso il competente ufficio tecnico. Da qui è stato approvato l’Avviso Pubblico per la selezione degli ulteriori 7 tecnici abilitati (ingegneri, architetti, geometri, periti edili) cui affidare l’istruttoria.
La durata dell’incarico sarà per un periodo massimo di dodici mesi decorrenti dall’avvio dell’attività e comunque non oltre il 31 dicembre, salvo proroghe stabilite con legge regionale. Cosi i 7 di Casamicciola passano, almeno per un anno, a 14.

Ovvero prorogando i 7 vecchi incaricati per 12 mesi ed aggiungendovi a questi altri 7 nuovi nomi. Nomi ancora a farsi!
“Alla data odierna i procedimenti relativi alle pratiche di sanatoria edilizia non sono stati tutti completamente definiti e perfezionati con il rilascio della relativa concessione in sanatoria. E’ indubbio l’interesse dell’Ente circa la completa definizione di tutte le pratiche in questione, non solo per la obbligatoria attuazione alle finalità delle varie Leggi susseguitesi e volte essenzialmente alla regolarizzazione ed a ricondurre nell’alveo della legalità gli abusi edilizi commessi, ma anche per la necessità di rilasciare le autorizzazioni finalizzate all’ottenimento del contributo previsto per i danni subiti dagli immobili “terremotati” ed infine per la positiva ricaduta finanziaria sulle casse dell’Ente grazie ai proventi derivanti dagli oneri dovuti dai richiedenti la concessione in sanatoria- conclude Giovan Battista Castagna- Cosi, tenuto conto che, come evidenziato in precedenza, l’incarico conferito ai tecnici liberi professionisti nel maggio 2020, è formalmente scaduto il 31.12.2020, per l’individuazione degli ulteriori n.7 tecnici, occorre procedere alla formalizzazione di una proroga tecnica dell’incarico alle stesse condizioni economiche di cui all’originario disciplinare sottoscritto con gli stessi, ovvero alla formalizzazione degli ulteriori nuovi incarichi“.

I costi
Agli oneri finanziari discendenti dall’affidamento di detti incarichi, si fa fronte in quota parte dalle somme introitate per oneri di urbanizzazione e costi di costruzione gravanti anche sui richiedenti il titolo in sanatoria.
Le attività verranno svolte per un importo che a netto di IVA e cassa sarà pari al 3% degli oneri di urbanizzazione, costo di costruzione, indennità paesaggistica e diritti di istruttoria con un minimo di € 200,00. Importi che cadono a carico delle singole pratiche da incassare al momento del rilascio del Titolo in sanatoria, salvo i diritti di segreteria che dovranno essere versati preventivamente. Il compenso verrà riconosciuto ad avvenuto incasso per ogni singola pratica conclusa con il rilascio del relativo titolo secondo modalità stabilite dal Responsabile dell’Area Tecnica. In caso di diniego della pratica di condono sarà riconosciuto al tecnico istruttore solo l’importo minimo di € 200,00. Gli incaricati dovranno
svolgere la propria attività esclusivamente in orario d’ufficio, salvo deroghe autorizzate dal Responsabile dell’Area Tecnica.

Fino al 31 dicembre 2021
Preso atto della informale manifestata disponibilità da parte dei tecnici già incaricati a poter proseguire anche nell’attività residuale, relativamente alla nuova assegnazioni di pratiche incide esclusivamente sui termini temporali dell’incarico, il quale in rapporto al numero medio di pratiche in questione, è presumibile un tempo utile da assegnare pari a circa mesi, decorrenti dalla data di sottoscrizione del disciplinare d’incarico, fatta salva la possibilità di derogare a tale scadenza qualora la mancata definizione completa delle pratiche dovesse dipendere da motivi non imputabili ai predetti professionisti o, comunque. di forza maggiore. Questo è quanto si legge agli atti.

Inoltre, relativamente ai tecnici già individuati nel maggio 2020, è stato predisposto il relativo ulteriore schema del disciplinare d’incarico con la precisazione che l’incarico è esteso a tutto il 31 dicembre 2021 salvo proroghe dettate da legge regionale. Per quanto attiene la procedura di scelta degli ulteriori n.7 tecnici ancora da individuare si seguirà quanto già stabilito per i 7 predecessori con la precisazione che l’incarico è esteso a tutto il 31 dicembre 2021 salvo proroghe dettate da legge regionale. Sarà il responsabile unico del procedimento Mimmo Baldino a predisporre il resto delle procedure burocratiche.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

«Per la frattura al braccio di mio figlio al Rizzoli hanno sbagliato tutto!»

Ugo De Rosa | Ci risiamo con un episodio di malasità all'ospedale Rizzoli. Una vicenda che ha coinvolto una famiglia...