sabato, Maggio 15, 2021

“City Nature Challenge”, con Procida Capitale e Regno di Nettuno

In primo piano

Leo Pugliese | Immortalare la biodiversità dell’isola di Procida osservando flora e fauna. Perché la pandemia non ferma la natura. E non ferma neanche i cittadini scienziati. Procida 2022 aderisce alla nuova edizione – dal 30 aprile al 3 maggio – della City Nature Challenge, iniziativa promossa dall’area marina protetta “Regno di Nettuno”.
Il City Nature Challenge è un format internazionale di registrazione delle osservazioni naturalistiche, nato inizialmente come sfida tra San Francisco e Los Angeles nel 2016 grazie alla California Academy of Sciences e il Natural History Museum di Los Angeles.
“Abbiamo da sempre puntato sul coinvolgimento attivo della popolazione nella ricerca scientifica, dotandoci – a partire dal 2017 – del portale di citizen science legato alla nostra area marina protetta www.citizensciencerdn.org”, sottolinea il direttore del Regno di Nettuno, Antonino Miccio. “In questi giorni – aggiunge – contiamo di promuovere la diffusione della conoscenza della natura di Procida e di raccogliere dati utili per la ricerca scientifica”.
“L’adesione al City Nature Challenge rappresenta l’avvio di uno dei filoni del nostro programma culturale, ovvero la ricomposizione della relazione tra arte e scienza. Nel 2022 diverse saranno le azioni e i progetti di citizen science, convinti che la democrazia della conoscenza, e il contributo attivo dei singoli cittadini e degli artiaco ai processi di ricerca, sia una condizione fondamentale per la crescita delle nostre comunità.”, spiega Agostino Riitano, direttore di Procida 2022.
All’edizione 2021 parteciperanno più di 350 città di 38 Paesi: nei giorni della challenge, come spiegano i coordinatori del cluster Antonio Riontino e Alessandra Flore, responsabile del dipartimento di Scienze naturali del Cesab (Centro ricerche in scienze ambientali e biotecnologie), i cittadini possono esplorare il territorio scattando foto della flora e fauna selvatica con il proprio smartphone o con la fotocamera digitale, caricandole su due piattaforme digitali, iNaturalist o Natusfera, e contestualmente sui propri profili social, utilizzando gli hashtag, #cnc2021, #citynaturechallenge #regnodinettuno e #procida2022.
Dal 4 al 9 maggio, con l’aiuto degli esperti naturalisti e scienziati di tutto il mondo, saranno identificate le specie fotografate. Il 10 maggio saranno annunciati e pubblicati i risultati a livello mondiale sul sito ufficiale citynaturechallenge.org.
A Procida prenderanno parte all’iniziativa anche enti e realtà associative come AIGAE, Nemo, Ardea, Cai, Legambiente Campania, Legambiente Circolo isole di Ischia e Procida, Let’s Do It! Italy, Hester APS, Platypus, Sun&Sea e ANS Diving Ischia.
L’iniziativa nazionale ha il patrocinio di diverse istituzioni tra cui il Ministero della Transizione Ecologica, ISPRA, Federparchi-Europarc, solo per citarne alcuni; il Cesab è lead partner del progetto.
Che cos’è City Nature Challenge?
La City Nature Challenge è stata inventata dal personale citizen science del Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles (Lila Higgins) e dell’Accademia delle Scienze della California (Alison Young).Logo City Nature Challenge 2021 Si tratta di una competizione internazionale tra le persone nel trovare e documentare le piante e la fauna selvatica nelle città di tutto il mondo. Una competizione in stile Bio-Blitz, in cui le città sono in gara una contro l’altra con l’obiettivo di registrare il maggior numero di osservazioni naturalistiche su flora e fauna selvatica, coinvolgendo il maggior numero di persone.
Come è cominciata la City Nature Challenge?
Nel 2016 c’è stata la prima Giornata di Scienza Cittadina, in cui gli staff del Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles e dell’Accademia delle Scienze della California hanno inventato un modo divertente per capitalizzare la rivalità amichevole tra le loro città d’origine e organizzare un evento scientifico cittadino sulla biodiversità urbana. La prima City Nature Challenge è stata una gara di otto giorni tra Los Angeles e San Francisco, che impegnava i residenti e i visitatori nel documentare la natura per comprendere meglio la biodiversità urbana. Sono state fatte oltre 20.000 osservazioni da più di 1000 persone in un periodo di una settimana, la catalogazione circa 1600 specie in ogni località, tra cui nuovi record per entrambe le aree. Nel corso della CNC del 2016, abbiamo sentito tanto entusiasmo ed interesse da parte di persone in altre città, perciò abbiamo deciso che non potevamo tenere il divertimento solo per noi stessi. Nel 2017 la City Nature Challenge è diventata nazionale, nel 2018, la CNC è diventata un evento internazionale e nel 2019 hanno partecipato oltre 159 città e nel 2020 oltre 244 città!

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Traffico. Da sabato al via le ZTL a Lacco Ameno

Il Comando di Polizia Municipale informa che da sabato 15 maggio p.v. conl’adozione dell’Ordinanza n° 5/2021 sarà riattivato il...
- Advertisement -